Sei disoccupato e rifiuti offerta di lavoro? Col jobs act perdi l’indennità e restituisci i soldi

La misura punitiva, in applicazione della riforma voluta dal governo Renzi, è chiarita da una circolare dell’Inps

Chi non accetta l’offerta di lavoro, restituisce i soldi all’Inps. Il disoccupato che non accetta un’offerta di lavoro dovrà dire addio all’indennità e se l’ha già percepita restituirla alla previdenza sociale. Analoga punizione, ma parziale (da 8 a 30 giorni), è prevista per chi non partecipa alle iniziative di collocamento. A spiegarlo è l’Inps nella circolare n. 224/2016, illustrando le “misure di condizionalità e regime sanzionatorio per i percettori delle prestazioni di disoccupazione” introdotti dal Jobs Act  e dal correttivo di quest’anno (d.lgs n. 185/2016). Con la circolare l’istituto fornisce le istruzioni in merito alle modalità applicative delle misure sanzionatorie adottate dai Centri per l’Impiego a seguito delle violazioni degli obblighi di partecipazione alle misure di politica attiva da parte dei percettori di prestazioni di disoccupazione (Naspi, Dis-coll, Asdi, Mobilità ma anche Aspi e mini-Aspi scomparse), tenendo conto delle disposizioni di legge.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest