Camorra, racket nel polo calzaturiero di Carinaro: nuovo arresto per Zagaria

Il boss avrebbe estorto dal 1997 al 2000 la somma di circa 1 miliardo di vecchie lire all’impresa incaricata della realizzazione degli opifici e, dal 2000 al 2010, con cadenza annuale, la somma di 160.000 agli imprenditori operanti all’interno della struttura

L’indagine, svolta attraverso attività tecniche e acquisizioni documentali, nonché dal riscontro a dichiarazioni da collaboratori di giustizia, ha permesso di evidenziare come il boss avrebbe estorto dal 1997 al 2000 la somma di circa 1 miliardo di vecchie lire all’impresa incaricata della realizzazione degli opifici e, dal 2000 al 2010, con cadenza annuale, la somma di 160.000 agli imprenditori operanti all’interno della struttura. Stamattina, nell’ambito di un’indagine coordinata dai magistrati della Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli, i carabinieri del Nucleo Investigativo di Caserta, presso la casa circondariale di Milano-Opera, hanno notificato un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, nei confronti di Michele Zagaria, capoclan dei Casalesi recluso al 41 bis, accusato di estorsione aggravata dal metodo mafioso.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest