Il Giappone si ferma per ricordare gli attacchi. La prima volta degli Usa al Memoriale della Pace

HIROSHIMA – I due attacchi vengono considerati gli episodi bellici più significativi dell’intera storia dell’umanità. Il mattino del 6 agosto 1945 alle 8,15, l’Aeronautica militare statunitense sganciò la bomba atomica “Little Boy” su Hiroshima, seguita tre giorni dopo dal lancio dell’ordigno “Fat Man” su Nagasaki. Il numero di vittime dirette è stimato da 100 000 a 200 000, quasi esclusivamente civili.
A 70 anni di distanza il Giappone si è fermato per un minuto in silenzio. Un centinaio le nazioni rappresentate al Memoriale della Pace, a Hiroshima, all’evento che ha visto per la prima volta la presenza di un rappresentante dell’amministrazione Usa. Alle 8,15 i rintocchi delle campane, poi un minuto di silenzio.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest