Il Napoli sfiora la vittoria a Cagliari per 30 secondi

Gli azzurri raccolgono un altro 1-1 facendosi raggiungere al 96 dal Cagliari

Sfiorata la vittoria per trenta secondi. Dopo il pareggio in Champions all’esordio del nuovo allenatore Calzona, il Napoli raccoglie un altro 1-1 facendosi raggiungere al 96 dal Cagliari’.

Nessuna vittoria in trasferta da tre mesi: azzurri ancora al 9° posto a -11 dalla zona Champions. Chance iniziali per Jankto e Lapadula, ci prova anche Raspadori. Autogol di Rrahmani, ma il Var annulla per il fuorigioco di Lapadula. Luvumbo spreca prima dell’intervallo. La sblocca Osimhen su assist di Raspadori, ma all’ultimo respiro sbaglia Juan Jesus e Luvumbo pareggia

Calzone ha qualche rimpianto: “Dovevamo gestire meglio quella palla arrivata dalla zona centrale- ha detto l’allenatore azzurro al termine della partita- questo è quello che mi fa arrabbiare di più. Ma in generale, anche per colpa del vento, abbiamo sbagliato tanto. Una cosa positiva: l’ordine in campo”. Pensiero solo al Barcellona? “È sicuramente una gara importante che aspettiamo. Ma, finché la matematica non ci condanna dobbiamo arrivare il più lontano possibile. Pensiamo partita per partita. A cominciare dalla gara con il Sassuolo. La squadra fisicamente sta abbastanza bene, forse è ancora bloccata psicologicamente. Dobbiamo stare in partita, fare più movimento. Abbiamo cominciato a essere più squadra, ma a tratti: questo mi fa pensare che il problema sia mentale. Noi dobbiamo anche essere capaci di adeguarci alla situazione: il Cagliari alzava la palla, ma noi non avevamo nessun vantaggio a “sporcare”

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest