Disservizi Dazn, si muove il Corecom Campania

Il Comitato regionale per le comunicazioni chiede l’intervento dell’Agcom, dopo l’ondata di proteste degli abbonati alla piattaforma digitale che trasmette alcune partite di serie A

Problemi con Dazn, le polemiche non si fermano. “Ho chiesto l’intervento dell’Agcom – annuncia Domenico Falco, presidente del Corecom Campania – per fare luce sulla qualità e sulle modalità del servizio offerto da ‘Dazn’, la piattaforma digitale di proprietà della ‘Perform Group’, per la trasmissione esclusivamente in streaming del 30% delle partite dei campionati di calcio di serie A e B”. La presa di posizione del Comitato regionale per le telecomunicazioni fa seguito all’ondata di proteste dopo le prime due giornate di serie A. Sono l’avvio del campionato, il cui clou erano i match Lazio-Napoli e Napoli-Milan, con i tifosi partenopei inviperiti dai disservizi delle dirette online. Rallentamenti, blocchi e il tipico fenomeno del buffering, il “congelamento” delle immagini trasmesse in streaming.

“Sono numerose le proteste dei cittadini della Campania – ricorda Falco – in merito ai disservizi arrecati all’utenza che, è bene ricordare, è stata costretta a sottoscrivere un secondo abbonamento per poter seguire il campionato di calcio italiano. Anche Federconsumatori Campania, presieduta da Rosario Stornaiuolo, ha chiesto l’intervento del Corecom dopo aver ricevute le continue e ripetute lamentele per il pessimo servizio fornito da ‘Dazn’. Ritengo sia improcrastinabile adottare decisioni immediate su questo tema per salvaguardare i consumatori. Poi, sarà importante fare chiarezza anche sulle campagne pubblicitarie realizzate da ‘Sky Italia’ e ‘Perform Group’per verificare che non ci siano state pratiche commerciali scorrette con pubblicità ingannevole”.

(Foto Mario Esposito/Twitter)

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest