Casalnuovo: bancomat rubato a cieco, arrestato 19enne che preleva 1.500 euro e compra smartphone

Il giovane bloccato in un negozio: è accusato di utilizzo fraudolento di carta di pagamento e ricettazione

Il giovane è stato arrestato in flagranza, con l’accusa di utilizzo fraudolento di carta di pagamento, a cui successivamente si è aggiunta quella di ricettazione. I carabinieri della tenenza di Casalnuovo hanno bloccato in un negozio di elettronica Leonardo Izzo, un 19enne sorpreso mentre stava acquistando 2 smartphone di ultima generazione, dopo avere effettuato un prelievo di 1.500 euro col bancomat di un 83enne invalido per cecità totale. All’anziano la carta di pagamento era stata rubata da ignoti insieme a carta d’identità, tessera sanitaria e, addirittura, al pin.
In circostanze ancora da chiarire il giovane era venuto in possesso del bancomat, del pin e dei documenti dell’83enne. Poi si era recato a uno sportello, prelevando dal conto della vittima 1.500 euro in denaro contante.
Dopo era entrato in un negozio di elettronica e lì, strisciando 2 volte, aveva acquistato 2 smartphone del costo complessivo di altri 1.500 euro circa.
Gli “alert” via sms relativi alle 3 transazioni sono arrivati sul telefonino di un signore che si occupa di assistere l’anziano. Dopo una veloce consultazione con l’83enne l’uomo ha avvisato i carabinieri, indicando il negozio dove erano stati comprati i telefoni.
I militari, intervenuti d’urgenza, hanno bloccato sul posto il 19enne: era ancora li ad attendere gli oggetti perché il negoziante se li stava facendo portare dal magazzino, situato in altro Comune.
Izzo è stato portato davanti al giudice per il rito direttissimo. L’autorità giudiziaria ha convalidato l’arresto, iscritto il giovane al registro notizie di reato anche per ricettazione e disposto l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria in attesa del processo.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest