Mastella compie 70 anni e gli fanno una festa a sorpresa

Ma nell’avvincente cronaca manca inspiegabilmente un dettaglio decisivo: di che gusto era la torta?

Sono le notizie che cambiano il corso della giornata, dell’anno. Anzi: proprio della storia. Un nome a caso: Mastella. Direte voi: la stampa ci ha informato già che Clemente compiva 70 anni domenica 6 febbraio. E già qui ci sarebbe abbondante materiale per far partire un corale “E sti cazzi?”. Magari post datato. Ma c’è chi fa di più.  “Lui era ignaro. E’arrivato a pranzo, a San Giovanni di Ceppaloni, un po’ tardi (intorno alle 13.45), addirittura febbricitante e, soprattutto, completamente all’oscuro della sorpresa organizzata dalla moglie Sandra per festeggiare il suo compleanno”. E’ l’incipit col quale Il Mattino annuncia che, per celebrare il compleanno di Mastella, è stata organizzata una memorabile festa a sorpresa. Col piglio del giornalismo d’assalto, ci informa che “appena varcata la porta di ingresso di casa Mastella, il silenzio del corridoio non faceva assolutamente presagire la presenza di oltre 70 invitati – tutti amici intimi e parenti stretti”. Il ritmo è da romanzo thriller. Sorge spontanea la domanda del lettore, ingolosito dal pathos narrativo: e cosa facevano gli invitati? “Se ne stavano zitti zitti ad aspettare il padrone di casa, proprio nel suo salone”. Quando la tensione è già a mille, veniamo a sapere che Mastella “neanche quattro passi prima di voltarsi, chiudere la porta e togliersi il cappotto di dosso” è stato “letteralmente sommerso da baci, abbracci ed accolto da un fragoroso coro di auguri”.  Ma nell’avvincente cronaca manca inspiegabilmente un dettaglio decisivo: di che gusto era la torta?

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest