Napoli, il gruppo Caltagirone licenzia 4 tecnici: tensione sotto Il Mattino, lavoratrice colta da malore

La protesta contro i licenziamenti di Servizi Italia 15, società del gruppo editoriale in cui erano confluiti dipendenti del settore poligrafico. Gli attivisti di Bagnoli Libera: “Uniamo le nostro forze contro Caltagirone”

Lavoratori licenziati, tensioni e un malore alla protesta sotto Il Mattino. In via Chiatamone è arrivata l’ambulanza per una dipendente che partecipava alla manifestazione contro i 4 licenziamenti di Servizi Italia 15, la società che aveva assorbito alcuni tecnici informatici del quotidiano napoletano.  La protesta è il culmine di una vertenza iniziata con una “illegale cessione del ramo d’azienda alla Servizi Italia del settore poligrafico” afferma Giorgio Barca della segreteria Uilcom Campania. Illegale perché quei lavoratori “avevano – aggiunge Barca – un rapporto esclusivo con Il Mattino”.  Servizi Italia 15 è una srl controllata al 99,5 per cento dalla Caltagirone Editore, costituita il 9 dicembre dell’anno scorso. “Una cessione mascherata – sostiene il sindacalista – per arrivare ai licenziamenti di oggi”. Contro la decisione del gruppo editoriale  si schiera anche l’assemblea popolare Bagnoli Libera, i cui attivisti si dichiarano disponibili “affinché si uniscano le nostre battaglie contro il potere del gruppo Caltagirone che ancora una volta svela il suo vero volto”.

Gianmaria Roberti

(Foto Bagnoli Libera/Fb)

 

ilmattino_ambulanza_protesta_licenziati_ildesk

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest