Il maltempo provoca danni alla raccolta delle castagne

L’allarme lanciato dalla Coldiretti che presenta i primi dati negativi

Rischia di essere una brutta annata per la raccolta delle castagne, quella del 2018. Non sono, infatti, positivi i primi dati sul Marrone di Roccadaspide Igp, presentati questa mattina dalla Coldiretti di Salerno che in una nota ha sottolineato che dopo il superato incubo cinipide grazie alla lotta biologica che ha consentito di debellare quasi completamente l’insetto cinese, adesso si presenta un’altra stagione difficile per le castagne a causa delle muffe. “La stagione si presentava con piante in ottimo stato, con la presenza di ricci, frutti sani e pezzature medio/grandi – spiega Roberto Mazzei, esperto in castanicoltura e consulente Coldiretti – poi le intense piogge di agosto, le escursioni termiche molto forti e il vento hanno inciso sulla produzione, soprattutto nelle zone vallive, provocando una mancata crescita delle castagne non ancora mature e una forte presenza del fungo Gnomoniopsis Discula Pascoe che ha attaccato i castagneti salernitani, generando marciume del frutto”. I mercati al momento sono fermi. Lo scorso anno il Marrone di Roccadaspide Igp era quotato tra 1.20 e i 2 euro al kg, a seconda del calibro e della qualità. “I primi dati ufficiali a nostra disposizione non sono positivi – rivela il direttore di Coldiretti Salerno, Enzo Tropiano – ma la raccolta è appena nella fase iniziale e dobbiamo ancora confrontarci con le industrie di trasformazione per capire l’andamento dei mercati. Ad aggravare la situazione è senza dubbio l’immissione nel nostro mercato di castagne provenienti dai paesi esteri. I produttori sono preoccupati per la stagione che ha portato una riduzione del quantitativo di frutti, tanto che in alcune zone la produzione è pressoché dimezzata, rischiando di minare la stabilità economica degli operatori del settore”.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest