Pagani, 16enne rapita in strada e stuprata: arrestati due giovani

I due avrebbero costretto la vittima a salire in auto e avrebbero abusato di lei a turno dopo averla condotta in un luogo appartato. Sono stati presi dopo un inseguimento

Sono accusati di aver rapito una 16enne che camminava in una via del centro di Pagani, nel Salernitano, e di averla stuprata a turno, costringendola a subire un rapporto sessuale completo. All’alba i carabinieri di Nocera Inferiore hanno arrestato i paganesi Antonio Saggese e Giuseppe Bombardino, 22 e 21 anni, già noti alle forze dell’ordine. Sono stati presi dopo un breve inseguimento in auto.

 

L’INDAGINE – I due indagati devono rispondere di sequestro di persona, violenza sessuale e lesioni personali ai danni della minorenne. Secondo la ricostruzione degli investigatori, hanno avvicinato la 16enne che stava camminando in una strada del centro di Pagani per fare rientro a casa, costringendola con la forza a salire a bordo della loro autovettura e, dopo averla condotta in un luogo appartato, l’hanno costretta a subire, a turno, un rapporto sessuale completo. Dopo circa un’ora, la ragazza è stata rilasciata, facendo rientro presso la propria abitazione, dove ha raccontato l’accaduto ai genitori. La 16enne è stata accompagnata in ospedale. Nel frattempo, i due indagati avrebbero sostituito il veicolo utilizzato per consumare la violenza sessuale con un’altra autovettura in loro possesso. Ma sono stati intercettati dai carabinieri della sezione radiomobile, allertati dai genitori della vittima. Dopo un breve inseguimento, i due giovani sono stati bloccati, tentando anche di opporsi al controllo ed inveendo contro i militari. Per i due sono scattate le manette: sono stati trasferiti al carcere di Salerno, a disposizione dell’autorità giudiziaria. Oltre alle accuse per il grave episodio di sequestro e violenza sessuale ai danni della minore, i due dovranno rispondere anche di resistenza ed oltraggio a pubblico ufficiale.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest