Napoli, parte lo sgombero di 140 locali e scuole comunali occupati da ex custodi e parenti

Una situazione che ha generato morosità per 4 milioni e trecentomila euro.

Attivato lo sgombero degli occupanti abusivi da alloggi di proprietà del comune di Napoli. Lo comunica l’assessore al Patrimonio del Comune di Napoli, Pierpaolo Baretta, commentando le prime operazioni di sgombero che sono state avviate nella giornata di ieri nella municipalità Vomero.

C’è una sentenza del tribunale, c’è una indagine della Corte dei Conti”, riprende l’assessore specificando che complessivamente ci sono 140 locali occupati, di cui la metà sarebbero alloggi annessi a scuole. Gli occupanti sarebbero in parte ex custodi o parenti “che sono lì da molti anni ma quasi la metà sono completamente abusivi”.

L’assessore Pierpaolo Baretta

Una situazione che a sentire l’assessore ha generato morosità per 4 milioni e trecentomila euro. Baretta assicura che si terranno in considerazione “le situazioni più difficili e più complicate” e si darà priorità a “quei casi dove le persone hanno la possibilità di poter provvedere al loro futuro”.

Lo sgombero è anche finalizzato a restituire alle scuole “quei locali indispensabili pe la formazione e l’istruzione. Certo l’attenzione non manca e non è mai mancata a questa amministrazione, ma anche la legalità va rispettata“.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest