Napoli, 27enne rapinata e violentata sotto casa al Vomero: due arresti

Ricercato un terzo complice. In giro per il quartiere collinare, individuata la vittima, dopo averla seguirla l’avevano aggredita nei pressi della sua abitazione

A Napoli un 33enne arrestato e un coetaneo sottoposto a fermo dai carabinieri della Compagnia Vomero nell’ambito delle indagini su una rapina aggravata e una violenza sessuale di gruppo ai danni di una 27enne. A notte fonda, la donna era stata seguita in auto nei pressi della propria abitazione dove, bloccata, era stata dapprima ripetutamente palpeggiata per poi essere rapinata di borsa e oggetti di valore. I militari hanno accertato che prima di commettere il reato il 33enne di Grumo Nevano aveva prelevato due complici dalla Stazione Garibaldi e, a bordo della sua Punto, si erano messi alla ricerca di “obiettivi facili”. Battuto il lungomare, poi Chiaia, erano infine saliti fino al Vomero. In giro per il quartiere collinare, individuata la vittima, dopo averla seguirla l’avevano aggredita nei pressi della sua abitazione, nella zona di via Kagoshima. Le indagini avviate immediatamente dopo l’evento hanno portato a identificare i due complici 33enni ed a sequestrare l’auto usata per compiere il reato. Il primo uomo, fermato all’interno di un pub del quartiere San Ferdinando a bere birra con la compagna, appena bloccato dai carabinieri ha dichiarato di essere sotto l’effetto di crack. Il secondo è stato arrestato ad Aversa. In corso le indagini per identificare il terzo complice.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest