Falso e abuso d’ufficio, ad Avellino indagati il sindaco Foti (Pd) e mezza ex giunta

Le accuse relative a una serie di violazioni in materia finanziaria e amministrativa

Questa mattina la Guardia di finanza ha notificato gli avvisi di garanzia emessi dalla Procura della Repubblica di Avellino. Falso e abuso d’ufficio assieme a una serie di violazioni in materia finanziaria e amministrativa sono le accuse ipotizzate a carico del sindaco di Avellino, Paolo Foti, di quattro assessori comunali e dei tre componenti del collegio dei revisori dei conti che certificarono il bilancio di previsione del 2014. Quella sul bilancio si aggiunge all’inchiesta appena aperta dalla procura di Avellino sui bilanci del teatro comunale “Carlo Gesualdo”, che l’amministrazione di Avellino non riesce ad approvare da due anni, pur avendo nominato un commissario ad acta dopo le dimissioni del presidente della fondazione. Ieri le fiamme gialle hanno acquisito negli uffici comunali di Avellino atti e documenti relativi a un buco di circa 600mila euro.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest