Coronavirus, la Regione: “Pasqua, in Campania violazioni aumentate. Contagi risaliti”

La tendenza è nazionale: in tutta Italia circa 20mila persone controllate in meno, ma 2mila sanzioni in più

Come si prevedeva, il week end di Pasqua è un difficile crocevia per le misure anti Covid19. In tutta Italia aumentano le violazioni e, quindi, le persone sanzionate. E la Campania non fa eccezione. Se ne fa esplicito riferimento nell’ordinanza firmata dal governatore De Luca, con la quale si stabilisce l’ennesima stretta. Nel provvedimento vengono specificati i presupposti di fatto, per la proroga dei divieti. Tra questi c’è l’odierno report dell’Unità di crisi, nel quale si scorge una possibile correlazione: più infrazioni, più contagi. “Risultano diffusi sul territorio – afferma l’ordinanza – nuovi e diversi cluster familiari e locali, presumibilmente originati dalla inosservanza delle misure di distanziamento sociale prescritte, che destano notevoli preoccupazioni per il potenziale allargamento degli attuali focolai”. Dalla Regione arriva un’avvertenza. “Secondo quanto già verificatosi nei Paesi nei quali l’epidemia si è manifestata in origine – scrive De Luca-, è verosimile che possa verificarsi una recrudescenza dei contagi che potrebbe comportare a sua volta una nuova ondata di contagi e pertanto i risultati ad oggi conseguiti nel contenimento della diffusione della malattia non sono sufficienti ad allentare le misure di prevenzione ad oggi poste in essere”. ammonimento. La persistenza di focolai sarebbe tra le cause della nuova risalita nella curva dei contagi. Ma non c’è solo questo. “Dopo un momentaneo arresto dell’incremento dei casi di contagio (tra venerdì e sabato passata dal 3,6% al 5,2%, ndr), negli ultimi giorni si è registrata nuovamente una curva crescente della diffusione del virus, tanto su scala nazionale quanto regionale”. Qui De Luca chiama in causa i trasgressori: “A fronte della descritta situazione, pervengono dalle Forze dell’Ordine segnalazioni circa l’incremento delle violazioni delle vigenti prescrizioni e misure, nazionali e regionali, sul territorio regionale della Campania”. Il dato è in linea con il trend nazionale. In tutto il Paese, sabato le forze di hanno controllato 280.717 persone e 89.931 tra esercizi e attività commerciali. Secondo il Viminale, sono state 12.514, il 19,8% in più rispetto a venerdì, le sanzioni elevate in materia di norme sugli spostamenti. In termini numerici: circa 20mila persone controllate in meno, ma circa 2mila sanzioni in più. Per aver attestato il falso nell’autodichiarazione, sono stati denunciati in 104; per la violazione della quarantena imposta dalla positività, in 53. Gli esercenti sanzionati sono stati 179, e 35 le attività chiuse.

Gianmaria Roberti

(Foto Polizia di Stato/Fb)

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest