Campania, sono tre i casi di Coronavirus.

All’Ospedale Cotugno una donna di 24 anni della provincia di Caserta (Ruviano); una donna di origin iucraine, tecnico di laboratorio della provincia di Salerno e un uomo di 45 anni di Napoli che vive nel quartiere San Carlo all’Arena

La prima cittadina campana risultata positiva al Coronavirus è la studentessa casertana di 24 anni, rientrata da Milano qualche giorno fa. La conferma ufficiale, arriva dall’Istituto Spallanzani di Roma, centro di riferimento nazionale per il Covid-19. La giovane è attualmente ricoverata all’ospedale Cotugno di Napoli: ha mal di gola ma non mostra sintomi preoccupanti. Lo rende noto il direttore generale dell’Asl di Caserta Ferdinando Russo, che spiega che sono stati posti in quarantena volontaria i genitori della ragazza, quindi un’amica della 24enne, ovvero una ragazza di Ruviano che ha fatto il viaggio da Milano, i genitori e il fidanzato di quest’ultima, un militare di Guardia Sanframondi, piccolo comune in provincia di Benevento. Un altro caso di coronavirus riguarda una ventiseienne: fa il tecnico di laboratorio a Cremona ed era rientrata da dieci giorni a Montano Attilia, comune del Cilento, suo paese di origine. Infine, il primo napoletano contagiato dall’infezione potrebbe essere il 50enne venuto da Milano.  E’ residente nel nel quartiere San Carlo all’Arena, centro storico della Città e non avrebbe sintomi. Il tampone positivo è stato inviato allo Spallanzani che nel bollettino delle 18 di oggi, giovedì 27 febbraio, ha confermato il contagio.

 Coronavcirus, negativi tamponi su persone collegate a casi Campania – A conclusione degli esami di laboratorio al Cotugno, relativi alle persone identificate e temporaneamente in quarantena che hanno avuto contatti con i tre cittadini campani positivi al coronavirus, tutti i tamponi sono risultati negativi. Lo rende noto la Regione Campania.

Coronavirus: tutti negativi casi sospetti di oggi a Napoli – Sono tutti negativi i tamponi effettuati nella prima parte della giornata nel laboratorio dell’Ospedale Cotugno di Napoli. In tutto, secondo quanto si apprende, sono stati effettuati 50 tamponi su altrettanti casi sospetti segnalati all’ospedale per le malattie infettive, centro di riferimento regionale.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest