Campania, la consigliera Muscarà presenta una nuova interrogazione su Pet-Tac a Caserta: “Migliaia di persone costrette a rivolgersi ai privati”

La combattiva esponente consiliare continua con determinazione a portare avanti una sacrosanta battaglia in difesa della sanità pubblica e del diritto alla tutela della salute

La consigliera regionale indipendente della Campania, Maria Muscarà continua con determinazione a chiedere spiegazioni agli esponenti della giunta sulla mancanza della Pet-Tac a Caserta.

Dopo la risposta agghiacciante ricevuta dalla Giunta in seguito alla mia interrogazione sulla mancanza della PET-TAC a Caserta prevista “dal 2017”, e che quindi da 7 anni ancora manca in tutta la provincia, mi sono sentita in dovere di presentare un’altra interrogazione per chiedere cosa si pensa di fare addirittura dopo tutti questi anni! – ha dichiarato Muscarà – Ho chiesto anche cosa sia stato sollecitato negli scorsi mesi, nello specifico, all’A.O. Sant’Anna e San Sebastiano di Caserta e, quali azioni e tempi ci vogliono per avere apparecchiature per prestazioni PEC/TAC anche a Caserta. Ovviamente tutto ciò porta ad una conclusione logica: secondo studi condotti dalla Regione, la provincia di Caserta risulta avere il più alto tasso di mobilità passiva interregionale rispetto alle altre province. Pare finalmente,  che sia stato espresso parere favorevole dagli uffici regionali alla richiesta dell’Asl di Caserta per l’attivazione di un centro di medicina nucleare presso il Presidio Ospedaliero di Marcianise, al cui interno installare una apparecchiatura per prestazioni PEC/TAC

Intanto i tempi non sono ancora certi e migliaia di persone sono sempre più costrette a rivolgersi ai privati, pagando cifre esorbitanti per sottoporsi a questo tipo di controlli, ed in Regione sono l’unica, ancora, a denunciare queste mancanze!” – conclude la Consigliera Muscarà.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest