Sicurezza degli edifici scolastici, l’allarme di Save The Children

A 10 anni dal terremoto dell’Aquila oltre 17187 edifici scolastici sono in aree con una pericolosità sismica alta o medio-alta

Save the Children lancia un nuovo allarme sulla sicurezza scolastica. A 10 anni dal terremoto che ha colpito L’Aquila e i quasi 60 comuni del cratere, ancora oggi 17.187 edifici scolastici sono in aree con una pericolosità sismica alta o medio-alta. L’organizzazione Save the Children, in una nota ha sottolineato che sono “4 milioni e mezzo gli studenti tra i 6 e i 16 anni che vivono in province rientranti in queste aree” ad alto rischio. Ma il tema dell’insicurezza delle scuole non riguarda le sole aree a rischio sismico. Nella presentazione di una proposta di legge sulla sicurezza degli istituti scolastici presentata alla Camera, Save the Children in collaborazione con Cittadinanzattiva, ha affermato che “Solo il 53,2% degli edifici scolastici in tutta Italia possiede il certificato di collaudo statico e il 53,8% non ha quello di agibilità o abitabilità e che dall’inizio dell’anno scolastico 2018-2019 ogni tre giorni si sono registrati episodi di distacchi di intonaco e crolli (47) all’interno di edifici scolastici. Un vero e proprio record degli ultimi 5 anni, per un totale di oltre 250 episodi dal 2013”. L’insicurezza delle scuole ha provocato, a partire dal 2001, 39 vittime. Tra loro, i 27 bambini della scuola “Francesco Iovine” di San Giuliano di Puglia (Campobasso), che morirono il 31 ottobre 2002 durante il terremoto che colpì la Puglia e il Molise, e Vito Scafidi, morto il 22 novembre 2008 a seguito del crollo di un controsoffitto nel Liceo “Darwin” di Rivoli (Torino). Il patrimonio edilizio scolastico italiano è composto da 40.151 edifici attivi, di proprietà di Comuni, Province e Città metropolitane. Oltre la metà, circa 22mila, è stata costruita prima del 1970. Nell’anno scolastico 2017-2018 si è registrato un record di crolli e distacchi di intonaco, ben 50 registrati dalla stampa locale. Mentre dall’inizio dell’anno scolastico in corso la stampa riporta 47 crolli, uno ogni 3 giorni. Oltre 250 crolli dal 2013 a oggi.

Monica De Santis

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest