Sanzionati i due senatori verdiniani per la performance sessista di venerdì: incastrati dalla prova tv

ROMA – Uno stop di cinque giorni dai lavori. L’Aula del Senato perderà per cinque lunghi giorni l’infaticabile contributo dei due padri costituenti Lucio Barani ed Enzo D’Anna. I due senatori verdiniani, corsi in aiuto della maggioranza per approvare la riforma costituzionale, sono stati sospesi dall’ufficio di presidenza per i gesti osceni nella seduta di venerdì scorso. Nel mirino, il gruppo pentastellato. Gesti osceni e sessisti, denunciati dalla senatrice Barbara Lezzi, ritenuti “di tale gravità” da offendere persone e senatori. E addirittura minare la “credibilità delle istituzioni”. Un fatto senza precedenti, in pratica. Il presidente Pietro Grasso annuncia in aula le sanzioni, che comprendono anche un giorno di sospensione ad Alberto Airola del M5S, accusato di aver insultato alcuni esponenti del governo e della segreteria d’Aula. A incastrare i senatori sanzionati è stata la visione dei filmati. “Da questo momento  – esclama Grasso – nessuna deroga al principio di correttezza verrà tollerato in Aula”. Altrimenti i cittadini potrebbero perdere davvero fiducia nella credibilità delle istituzioni.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest