Sarri chiama a raccolta i tifosi: “Possiamo farcela se il San Paolo ci dà una mano”

Il tecnico: “Abbiamo fatto una buona partita perché non c’era la sensazione di poterla perdere contro una squadra che aveva vinto in casa contro il Real e l’Atletico Madrid. Questo era un campo difficilissimo e c’era un rigore abbastanza chiaro a nostro favore. Arbitraggio scadente”

“Abbiamo fatto una buona partita perché non c’era la sensazione di poterla perdere contro una squadra che aveva vinto in casa contro il Real e l’Atletico Madrid. Questo era un campo difficilissimo e c’era un rigore abbastanza chiaro a nostro favore. Abbiamo 90 minuti in casa per superare una squadra forte, ma se il San Paolo ci dà una mano ce la possiamo fare”. Sarri non si strappa le vesti a fine gara. Anche se è consapevole delle difficoltà del cammino europeo. Ai microfoni di Sky Sport il tecnico del Napoli scaccia i cattivi pensieri. Il primo l’improvvisa sterilità in zona gol. “Penso che una squadra possa passare venti giorni con meno pericolosità offensiva, anche se la squadra stasera si è messa spesso nelle condizioni di fare male agli avversari. Non siamo fortunatissimi ma sono momenti della stagione che ci possono stare tranquillamente”. “Usciamo da due partite  – aggiunge Sarri – con due buone squadre in cui abbiamo giocato alla pari, in cui abbiamo avuto più predominio territoriale e siamo usciti sconfitti nel finale. Sarei più preoccupato se avessimo fatto due 0-0 subendo un assedio”. Semmai l’allenatore azzurro si lamenta di altro: il rigore non concesso. “La traiettoria della palla cambia e quindi quando non te lo danno brucia. Però questo e’ un episodio che ci può stare in una direzione di gara che mi è sembrata scadente”. E il turnover? “In questo momento, avendo quattro partite in pochissimi giorni, non siamo andati a spremere i giocatori che hanno giocato abbastanza. Abbiamo messo in campo una squadra equilibrata e competitiva, fa parte della normalità poi nei prossimi giorni vedremo le evoluzioni e decideremo di volta in volta chi mettere dentro”.

(Foto Ssc Napoli/Fb)

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest