Napoli-Pescara, Sarri ricorda l’andata: “Mai così in difficoltà, guai a dimenticarlo”

Il tecnico azzurro: “Memori di quanto è accaduto, dobbiamo affrontare questo avversario con grande attenzione ed umiltà. Vedere Maradona allo stadio sarebbe emozionante”

Attenti a rilassarvi. “Il Pescara è la squadra che ci ha messo più in difficoltà in questa stagione. Memori di quanto è accaduto all’andata, dobbiamo affrontare questo avversario con grande attenzione ed umiltà”. Maurizio Sarri non dimentica l’avvio di campionato, col Napoli in rimonta all’Adriatico, ma fulminato dall’avvio bruciante degli abruzzesi che chiusero il primo tempo sul 2-0. Una match concluso sul 2-2, col singolare episodio del rigore assegnato agli azzurri e poi revocato da Giacomelli. Un’altalena di emozioni che mette in guardia il tecnico del Napoli. Il Pescara ha “messo in difficoltà non solo noi – rammenta – ma anche molte altre avversarie, basti guardare le partite con il Milan e con la Roma. E’ sicuramente una formazione che merita molto più di quanto non ha. Hanno una grande facilità di palleggio – e mettono sempre in difficoltà chi sta di fronte”. Questo per dire che il Napoli non può considerare il match di domani come archiviato prima ancora di scendere in campo. “Dobbiamo evitare i black out che a volte ci hanno penalizzato. Bastano pochi minuti – avverte Sarri – per mettere a repentaglio dei risultati, il nostro margine di crescita è proprio sotto questo punto di vista”. Dall’allenatore arriva anche un auspicio: oggi Maradona arriva in città, dove si tratterrà fino a martedì, dopo la serata amarcord al San Carlo. ”Maradona sta bene dentro ad uno stadio per cui l’emozione di vederlo al San Paolo sarebbe superiore a quella di vederlo in un teatro. Lui ha le chiavi del San Paolo, ne è il proprietario legittimo e quindi penso che sceglierà lui se venire o meno. ‘Per noi sarebbe davvero emozionante”. Il finale della conferenza stampa di Sarri è dedicato ad una risposta sul mercato: “Babbo Natale è passato, la Befana pure. Non mi aspetto più un cazzo da nessuno”. Più chiaro di così?

(Foto Ssc Napoli/Fb)

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest