Napoli Est, parenti ostacolano arresto del cugino del boss

Angelo Cuccaro è accusato di detenzione di cocaina a fini di spaccio

Tre anni fa fu l’obiettivo di un agguato scattato nell’ambito di una faida con gli scissionisti degli Amodio-Abrunzo. A Napoli la Polizia di Stato ha bloccato, dopo una breve fuga e malgrado l’intervento di alcuni parenti che hanno tentato di ostacolare l’arresto, Angelo Cuccaro, elemento di spicco dell’omonimo clan camorristico napoletano, cugino omonimo del boss soprannominato “Angiulill”. Angelo Cuccaro è accusato di detenzione di cocaina a fini di spaccio (ne aveva addosso 10 grammi) ed è stato preso dalla Sezione Criminalità Organizzata della Squadra Mobile nella roccaforte del clan, il complesso di edilizia popolare compreso tra Corso Sirena e via Prima Traversa Mastellone, dove ci sono diverse piazze di spaccio.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest