Lusciano: Giornata del donatore, nuova adesione massiccia dei cittadini

Efficace collaborazione tra istituzioni e associazioni

Un altro appuntamento di solidarietà si è tenuto oggi a Lusciano, in provincia di Caserta. Ottanta cittadini dotati dei Dispositivi di protezione individuale, si sono messi in fila, rispettosi delle distanze aderendo con convinzione alla “Giornata del donatore”. La prima donatrice è stata Annalisa Di Guida che si è recata al centro raccolta nelle prime ore del mattino. Iniziativa promossa a Lusciano, di alto significato sociale ha sortito effetto positivo grazie all’impegno dell’associazionismo, le strutture sanitarie territoriali, le istituzioni. Il Centro trasfusionale di Aversa ha confermato di svolgere un ruolo importante, un punto di riferimento per diffondere la cultura di vita, la tutela della salute sui territorio agro-aversano e non solo. Un ottimo lavoro di squadra concretizzato grazie all’impegno del sindaco di Lusciano, Nicola Esposito, agli assessori Luisa Mottola, Benito Mottola, Renato Mottola, dei consiglieri di maggioranza e di minoranza, Filippo Ciocio, Dominga Inviti, del  primario del centro trasfusionale di Aversa dott Saverio Misso, il dirigente medico dello stesso centro dott Giovanni Salerno, il presidente della “Casa del Donatore” di Aversa Enrico Sangiovanni, tutti volontari del medesimo centro, in particolare le infermiere Anna e Michela, la Protezione Civile,   la  responsabile assistenza domiciliare Hospice per la Casa di Cura Villa Giovanna Hospital di Tora e Piccilli dottoressa Emiliana Gemellini. Ottimo lavoro logistico e organizzativo del consigliere Raffaele Esposito. Soddisfatto il primo cittadino. “Siamo fieri e daremo patrocinio e il suolo pubblico per queste iniziative – ha commentato il sindaco di Lusciano, Nicola Espositoringrazio tutti i consiglieri comunali sia di maggioranza che di opposizione, la dottoressa Gemellini e tutti i medici, gli operatori sanitari, i responsabili delle associazioni che hanno collaborato. In questo momento di emergenza insieme a tutte le attività che stiamo facendo siamo favorevoli a iniziative come queste”.  Sulla stessa lunghezza d’onda il consigliere Filippo Ciocio: “Sono contento, veramente soddisfatto, addirittura quasi sorpreso dalla risposta dei cittadini a distanza di un mese dalla precedente iniziativa – sottolinea Ciocio – I fatti dimostrano che quando c’è un’unità d’intenti, quando i temi sono importanti come la solidarietà, i luscianesi rispondono compatti e con alto senso civico. Partecipare all’evento di oggi, in un momento particolare per il nostro Paese, è anche una dimostrazione di coraggio e di grande sensibilità. Un ringraziamento a tutti i luscianesi e a tutti quelli che ci hanno messo la faccia”.Bellissimo oggi vedere l’entusiasmo dei donatori di sangue presenti, su prenotazione, nel dare il loro contributo vitale e solidale. Presenti tanti giovani che hanno contribuito ancora di più nell’aiutare il prossimo bisognoso in questo periodo difficile per il Paese e per il mondo intero. La carenza di sangue non è certo diminuita in questi ultimi mesi di pandemia, anzi sembra essere uno dei problemi che stanno caratterizzando l’emergenza Coronavirus. Donare sangue è di assoluta priorità e non può essere rimandato a data da destinarsi, come invece sta avvenendo per altri appuntamenti ed eventi di questa primavera del tutto anomala.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest