Aggressione ad un 24enne: in manette due fratelli di Pagani

Dietro il fatto criminoso ci sarebbe il mancato pagamento di un tatuaggio

Aggressione ai danni di 24enne. Sono queste le accuse che hanno portato all’arresto di due fratelli di Pagani, in provincia di Salerno. I due sono ritenuti responsabili di aver colpito a calci e pugni e poi ripetutamente con un coltello alle gambe. I due ragazzi sono stati arrestati dai Carabinieri del reparto territoriale di Nocera Inferiore, i due, rispettivamente di 28 e 26 anni erano già noti alle forze dell’ordine. L’ordinanza di custodia cautelare in carcere è stata emessa dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Nocera Inferiore. Il movente dell’aggressione, secondo quanto ricostruito dalle indagini dei Carabinieri, sarebbe da individuare nel mancato pagamento di un tatuaggio. L’episodio è avvenuto la sera del 12 novembre, quando i due, nella centralissima piazza Sant’Alfonso di Pagani, prima hanno aggredito a calci e pugni il 24enne, per poi colpirlo ripetutamente con un coltello alle gambe,lasciandolo agonizzante e in un lago di sangue. Le indagini hanno permesso di far luce sull’avvenimento che aveva fortemente scosso l’opinione pubblica, accertando la responsabilità dei due fratelli. Gli investigatori hanno inoltre accertato che i due fratelli, subito dopo l’agguato per il mancato pagamento di un tatuaggio, si erano vantati sui social network di esserne stati gli autori.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest