I fermi degli indiziati al termine dell’interrogatorio: l’ipotesi è che ci sia una banale lite alla base dell’agguato

VOLLA – Svolta nelle indagini in serata: i carabinieri hanno sottoposto a fermo tre persone per la sparatoria di stamattina al mercato ortofrutticolo di Volla, bilancio di un morto ed un ferito. I fermati sono Salvatore Aveta, 47 anni, il figlio Ciro Aveta, 18 anni, di San Sebastiano al Vesuvio, e Michele Maio, 23enne napoletano. Sono indiziati a vario titolo dell’omicidio di Giovanni Galluccio e del tentato omicidio di Giuseppe Sarracino. Gli investigatori ritengono che il movente sia una banale lite avvenuta il giorno prima tra Galluccio e una Salvatore Aveta, che avrebbe urinato nei pressi della struttura gestita dalla vittima. Dopo il diverbio, Salvatore Aveta, con gli altri due, sarebbe tornato stamattina armato per compiere una spedizione punitiva nei confronti di Galluccio. Subito dopo la sparatoria, attraverso la visione dei sistemi di videosorveglianza e raccogliendo le dichiarazioni dei testimoni, i carabinieri sono  risaliti all’identità dei presunti responsabili. Dopo l’identificazione i tre sono stati braccati per qualche ora poi rintracciati e catturati nel primo pomeriggio. Il fermo al termine del lungo interrogatorio condotto dal pm della procura di Nola nella stazione carabinieri di Volla. E’ ancora in corso la ricostruzione dei fatti.

 

L’AGGUATO – Gli spari all’interno dello stand California. Sangue al mercato ortofrutticolo di Volla, dove sono stati esplosi colpi d’arma da fuoco. Giovanni Galluccio, 23enne di Giugliano, è morto poco dopo il ricovero all’ospedale Loreto mare di Napoli, per ferite al torace. Giuseppe Sarracino, 34enne di Marano, è ricoverato in prognosi riservata nello stesso nosocomio; è stato raggiunto da un colpo al torace. Entrambe le vittime sono rivenditori di ortofrutta incensurati. A terra è stata trovata una pistola, forse abbandonata da chi ha sparato. Indagini in corso dei carabinieri di Volla e di Torre del Greco.

(foto clashcityworkers.it)

 

 

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest