Lavoratori della Bagnoli Futura assunti dalle partecipate comunali, la soddisfazione dei sindacati

Evitati i licenziamenti dei dipendenti della società che è fallita. La Napoli Servizi ha preso carico del maggior numero di persone

NAPOLI –  Cgil, Cisl e Uil di Napoli, in una nota, “salutano con soddisfazione la felice conclusione della lunghissima vertenza dei lavoratori della fallita società Bagnoli Futura che è durata più di un anno”. “Con le assunzioni di queste ore degli ultimi lavoratori nelle Partecipate del Comune di Napoli, sono stati evitati dolorosi licenziamenti che pure erano stati annunciati. Bisogna dare atto alla amministrazione comunale di Napoli di aver mantenuto la parola data di applicare la mobilità per le eccellenti professionalità dei lavoratori di Bagnoli Futura nelle varie Partecipate del Comune di Napoli, a seconda delle loro esigenze organizzative”, prosegue la nota. Le organizzazioni sindacali affermano che bisogna “anche riconoscere che i vari amministratori delle partecipate comunali, a partire da Napoli Servizi che si è fatta carico del maggior numero dei lavoratori e lavoratrici, sono riusciti in poche ore a rispondere anche burocraticamente alle esigenze di assunzioni dei lavoratori che erano rimasti senza collocazione. Tutto questo perché unapartecipata del Comune come ABC, con la motivazione di essere un azienda speciale, ha rifiutato, nella persona del suo presidente, dopo un lunghissimo iter burocratico, in cui il Comune aveva prospettato anche ed addirittura l’approvazione di una delibera, la possibilità delle assunzioni, pur sapendo che i lavoratori di Bagnoli Futura correvano il serio rischio di essere licenziati”

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest