Festival di Napoli, alla Mostra D’Oltremare le eccellenze partenopee nel mondo

Dal 30 giugno al 2 luglio e dal 7 al 9 luglio l’evento dedicato alla bellezza ed alla grandezza internazionale della città

Il capoluogo partenopeo verrà rappresentato attraverso un sentito tributo a tutto ciò che contribuisce a renderlo capitale della passione, del sentimento, dell’emozione e del calore. Dal 30 giugno al 2 luglio e dal 7 al 9 luglio la Mostra d’Oltremare diverrà la location della prima edizione del “Festival di Napoli”, un evento dedicato alla bellezza, alle eccellenze, ed alla grandezza internazionale di Napoli.
L’evento che si svolgerà alla Mostra d’Oltremare sarà la prima tappa di un viaggio destinato a portare, a partire dal 2018 in poi, la cultura e le eccellenze Napoletane in un viaggio internazionale, con tappe nelle principali città Italiane (Milano, Torino, Bologna, ecc.) e nelle grandi capitali estere, come New York, Tokio, San Paolo, ecc.
Un progetto ambizioso che ha riscosso fin dai suoi albori il supporto del sindaco de Magistris dell’amministrazione Comunale.
Il Festival di Napoli si propone di divenire un motivo di orgoglio per tutti i Napoletani, che vedranno celebrate a livello internazionale le proprie tradizioni, il folklore, le eccellenze ed il ricchissimo patrimonio artistico partenopeo. Ed al tempo stesso sarà un modo per i non-autoctoni di scoprire e riscoprire una Napoli “inedita”, ripulita dagli stereotipi e dai falsi miti troppo spesso ingiustamente perpetrati ed anzi esaltata per il suo storico indiscusso ruolo di perla del Mediterraneo. “Vedi Napoli e poi muori” si trasformerà invece in “Vedi Napoli e poi… vivi”.

Ampio risalto troveranno dunque l’arte, la cultura e l’artigianato tipico, con un’ampia area dedicata a musei, mostre, riproduzioni artistiche. Ma anche ovviamente grande spettacolo ed intrattenimento con un palco dedicato al folklore napoletano, sul quale si succederanno concerti musicali, danze tipiche, show comici, momenti di poesia.

Napoli verrà celebrata nelle sue principali eccellenze anche attraverso i suoi principali miti e simboli: da Totò, a cui si renderà omaggio sia tramite una suggestiva mostra a lui dedicata sia tramite la rappresentazione delle sue scene e sketch più famosi, a Pino Daniele, al quale verrà dedicato un tributo musicale da una talentuosa revival band e che sarà protagonista, nella giornata inaugurale del 30 giugno, di una cerimonia durante la quale verranno fatti librare in aria palloncini luminosi con il sottofondo dei suoi brani più toccanti; da San Gennaro, santo patrono e parte integrante della cultura napoletana che troverà spazio nell’area culturale e museale del Festival, a Maradona, “El Pibe de Oro”, celebrato grazie alla partecipazione del Museo Itinerante a lui dedicato.
E non mancherà l’enogastronomia: pizza, pentolaccia di cozze, cuoppo di mare e terra, babà, graffe, sfogliatella riccia o frolla e tanto altro ancora. Un percorso articolato tra punti gastronomici e postazioni street food, senza dimenticare le primizie della terra e della natura, come i pomodori del Piennolo, la nocciola di Giffoni o i limoni di Sorrento, alle quali verrà dedicata una specifica area dal significativo titolo “Amo la Terra”.
L’enogastronomia tipica Napoletana diverrà anche motivo d’intrattenimento grazie all’area Showcooking, nella quale cuochi e scuole di cucina si cimenteranno nella realizzazione di piatti tipici della cultura culinaria partenopea.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest