Sarri non vuole mollare lo scudetto: “I sogni a volte si avverano”

Vigilia di Napoli-Chievo, parla il tecnico azzurro: “Partita difficile contro una delle squadre italiane che ha vinto di più in trasferta e quindi bisogna pensare a questa, è inutile pensare a tutto il resto”

“Domani abbiamo una partita difficile contro una delle squadre italiane che ha vinto di più in trasferta e quindi bisogna pensare a questa, è inutile pensare a tutto il resto che è solo una conseguenza”. Alla vigilia di Napoli-Chievo, Sarri tiene alta la tensione del gruppo. ”La partita è più difficile di quello che dice la classifica perché il Chievo in trasferta ha dei buoni numeri. E’ una squadra fisica, aggressiva, solida e quindi è una partita non così semplice come può lasciar pensare la classifica”. Ma dopo l’esercizio di realismo, il tecnico si lascia andare. ”I ragazzi dicono che lo scudetto è un sogno. Noi con il nostro budget ed il nostro monte ingaggi se pensiamo di vincere il campionato siamo fuori di testa. Ma a volte i sogni si avverano”. E come raggiungere un sogno? ”Io per vincere conosco un solo modo: vincere. Cosa che dobbiamo cominciare a fare domani con il Chievo. Se faremo bene in una serie di partite, vorrà dire che ci stiamo provando”. Per provarci occorre lasciarsi alle spalle il periodo-no. L’ultima vittoria è dl 7 febbraio col Carpi. ”Nelle gare di febbraio – spiega Sarri – abbiamo creato 29 palle gol contro le 13 subìte. Poi possiamo discutere sulle percentuali realizzative che sono state inferiori, ma questo appartiene ai periodi di una stagione. Abbiamo numeri positivi in riferimento al rendimento fisico ed, al di là delle opinioni, i numeri non sono discutibili”. ”Oltretutto – aggiunge l’allenatore – abbiamo giocato contro la Juve lanciatissima e si poteva anche pareggiare quella sfida. Poi abbiamo affrontato il Milan più in forma del parziale di campionato ed quindi la Fiorentina, che a loro stesso dire, ha disputato il match più spettacolare dell’anno. Ma per quel che mi riguarda il Napoli ha fornito prestazioni a febbraio superiori ai risultati conseguiti”.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest