Pip Aversa, misure cautelari per 2 imprenditori accusati di appalti truccati per i Casalesi

L’ombra dell’ex capoclan Iovine nelle gare

Uno, operante nel settore edile, è accusato di associazione per delinquere di tipo mafioso. L’altro di intestazione fittizia di beni e turbata libertà degli incanti con l’aggravante del metodo mafioso. Due imprenditori sono stati arrestati dai carabinieri all’alba a Napoli e in provincia di Caserta in un’inchiesta della Dda di Napoli su presunti appalti truccati nella realizzazione del Pip di Aversa, con l’ombra dei Casalesi, fazione Iovine.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest