Napoli Servizi: imminente inchiesta della magistratura,  si dimette l’amministratore

 

I sindacati attaccano il collegio dei revisori

L’amministratore unico di Napoli Servizi,   Andrea De Giacomo si è dimesso. La decisione è stata comunicata con una lettera inviata alcune ore fa al sindaco Luigi de Magistris.

Significativi i  passaggi della lettera che motivano le dimissioni. “Alcune questioni inerenti problematiche di bilancio non attinenti alla mia gestione hanno esposto la società – e dunque l’amministratore unico di questa – a rilievi a volte anche soltanto formali da parte degli organi di controllo, in particolare il collegio sindacale della società – scrive De Giacomo –  Non è certamente qui il caso di ricordare in dettaglio la storia dell’accaduto, che è poi culminata nella presentazione, da parte dello stesso collegio sindacale, di un ricorso al Tribunale delle imprese. Ma è certamente il caso di rammentare la modalità quasi clandestina della sua presentazione, nella assoluta ignoranza anche del socio, ed i suoi contenuti, che sono infondati punto per punto – sottolinea De Giacomo –  Ed ovviamente, da tali contenuti dovrò difendermi personalmente, trovandoli ingiusti, scorretti, in alcuni punti scorretti, in alcuni punti addirittura infamanti, ed oltre tutto anche rappresentativi di un atteggiamento ostile nei confronti dello stesso socio unico“. Stando ad alcune indiscrezioni trapelate da Palazzo San Giacomo, le dimissioni sarebbero state concordate con De Magistris e il capo di gabinetto, Attilio Auricchio perchè sarebbero imminenti alcune clamorose iniziative della magistratura.

I sindacati, intanto,  si schierano in favore dell’amministratore uscente e attaccano il collegio dei revisori. “Nella sua lettera di dimissioni, il dott. De Giacomo ha motivato la sua scelta con la necessità di tutelare Napoli Servizi, con il suo patrimonio industriale di competenze professionali, e l’ampia platea di lavoratrici e di lavoratori che vi operano al servizio della Città – scrivono in una nota la rappresentanza sindacale aziendale di Napoli Servizi e le segreterie territoriali di Filcams Cgil, Fisascat Cisl, UilTrasporti, Fiadel, UGL, SLL, USB – Un atto di responsabilità che denota l’elevato spessore umano ed il grande rigore professionale di un uomo per bene e di un amministratore che ha mostrato le sue capacità in momenti difficili per l’azienda di servizi del Comune di Napoli. La denuncia irresponsabilmente presentata dal Collegio dei Revisori, peraltro basata su elementi di forte strumentalità ed al di fuori di qualsiasi rispetto istituzionale, sembra infatti puntare al commissariamento della Società che sarebbe così precipitata in una fase di incertezza gestionale che aprirebbe preoccupanti scenari di ingovernabilità – sottolineano le organizzazioni sindacali –  Si determinerebbe, così, una fase di profonda incertezza per il futuro dei lavoratori e per la tenuta di servizi strategici per la comunità Napoletana”

 

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest