Lutto nello sport napoletano, è morto Paolo De Crescenzo: vinse tutto nella pallanuoto

Campione in vasca e tecnico super titolato: fu artefice del miracolo Posillipo e ct della nazionale

Gravissimo lutto nello sport napoletano e italiano. E’ scomparso Paolo De Crescenzo, maestro della pallanuoto. Aveva 67 anni, è stato stroncato da un male incurabile nella casa di Varcaturo, nel Comune di Giugliano. Cresciuto nella Canottieri Napoli sotto la guida del Frtiz Dennerlein, esordì in prima squadra nel 1965, nel gruppo che dominò l’Italia della pallanuoto negli anni settanta, vincendo 4 scudetti e la Coppa dei Campioni. Se da giocatore il suo palmarès fu ricchissimo, da tecnico vinse praticamente tutto.
Nel 1983 arrivò sulla panchina del Posillipo a soli 33 anni, dando origine al miracolo del club rossoverde, sino a quel momento senza titoli in bacheca. Alla fine, nel 2002, si conteranno 9 scudetti, 2 Coppe delle Coppe, 2 Coppe Italia e 2 Coppe dei Campioni oltre che la Supercoppa Europea. Nel biennio 2003-05 guidò anche la Nazionale italiana (argento mondiale a Barcellona), prima di ritornare per un altri due anni al Posillipo, ritirandosi poi definitivamente nel 2007. Nell’estate 2013 il ritorno in panchina con l’Acquachiara del suo allievo Franco Porzio, guidata nella prima avventura in Champions League dell giovane club napoletano. Negli ultimi anni si era dedicato a far crescere i giovani nella piscina di Brusciano. I funerali si terranno domani nella chiesa di Santa Maria della Libera, nel quartiere napoletano del Vomero.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest