Anche Salerno si ribella al coprifuoco di De Luca: corteo al grido di “Libertà”

Per le vie del centro la protesta di commercianti e lavoratori: sfilano in alcune centinaia. Tensione nei pressi dell’abitazione del governatore: esplosi petardi

Anche Salerno, la città del governatore De Luca, si ribella al coprifuoco della Regione e alle ultime misure del governo. Un corteo di lavoratori e commercianti ha attraversato il centro, partendo da piazza Amendola, e percorrendo le vie limitrofe. La manifestazione ha effettuato un giro del centro storico, tornando infine in piazza Amendola, dove si trova la sede della prefettura. Almeno in 500 a protestare. Il grido più volte scandito: “Libertà, libertà”. Ma si sono uditi anche cori offensivi contro il presidente della Regione. Tensioni nel quartiere Carmine. Un gruppo di facinorosi ha manifestato l’intenzione di recarsi sotto l’abitazione di De Luca. A bloccarli sono state le forze dell’ordine. Si è udita anche l’esplosione di petardi. Intanto, fra i ristoratori montano rabbia e delusione: “Ci siamo messi in regola da maggio, rispettando leggi e regolamenti, riducendo i coperti, prevedendo i distanziamenti. Abbiamo fatto tutto per riaprire in sicurezza, ora rischiamo di dover chiudere un’altra volta. Non dovevamo arrivare a questo punto. Per l’impegno che ci abbiamo messo non ce lo meritiamo”.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest