Navigator, scontro De Luca-difensore civico a colpi di controdiffide

Stamane notificato l’invito al governatore: firmare con l’Anpal entro cinque giorni o arriva il commissario ad acta. La replica: “Atto irricevibile e sconcertante, diffido Fortunato dall’assumere provvedimenti che vanno oltre le sue competenze”. Ma c’è la controreplica: “Il presidente della Regione parla per comunicati stampa. Deve rispondere ai vincitori di selezione, che gli avevano scritto vanamente. Io agisco nel rispetto della legge, il diffidato è lui”

La vertenza Navigator accende lo scontro tra il governatore Vincenzo De Luca e il difensore civico regionale, Giuseppe Fortunato. Stamane la diffida notificata al presidente della Regione, cui Fortunato concede cinque giorni per firmare la convenzione con l’Anpal, per procedere alle assunzioni dei 471 vincitori di selezione in Campania. In assenza di tale intesa, verrà nominato un commissario ad acta. La replica di De Luca con una nota in serata, dai toni furenti. “Apprendiamo della comunicazione sconcertante e irricevibile del Difensore Civico dott. Fortunato- afferma il governatore-. Nelle prossime ore gli sarà formalizzata una diffida a non assumere provvedimenti che vanno oltre le sue competenze. Sarà chiamato a rispondere, ovviamente, di ogni atto improprio sul piano penale, amministrativo e contabile”. Se De Luca annuncia la controdiffida, Fortunato non rimane impassibile. Il difensore civico contrattacca: “ll dott. De Luca – dichiara – parla per comunicati stampa. Lui deve, invece, rispondere ai selezionati Navigator che gli avevano scritto vanamente, delle mancate risposte  e al mio invito che è estrinsecazione di un Difensore Civico che agisce nel rispetto delle leggi e per il rispetto delle leggi. E’ lui il diffidato”.

Gianmaria Roberti

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest