Fonderie Pisano, incontro sindacati-proprietà: “C’è la volontà di delocalizzare”

Il segretario Cgil Salerno, Anselmo Botte: “I lavoratori sono molto preoccupati per il loro futuro”

Incontro alla Regione per discutere dello stabilimento delle Fonderie Pisano di Salerno. Hanno partecipato l’assessore regionale alle Attività Produttive, Amedeo Lepore, il vicepresidente della giunta Fulvio Bonavitacola, le organizzazioni sindacali Fiom, regionale e provinciale, e la Cgil, e la proprietà dell’azienda. “C’è la volontà di delocalizzare lo stabilimento e la Regione è interessata a seguire e sostenere questo percorso – dichiara  il segretario Cgil Salerno, Anselmo Botte – vanno approfondite queste volontà e le proposte concrete in prossimi tavoli tecnici”. I sindacati hanno sollecitato un incontro in prefettura sui temi occupazionali. “E’ ovvio – aggiunge Botte – che i lavoratori sono molto preoccupati per il loro futuro. La proprietà ci ha assicurato che in una decina di giorni dovrebbe risolvere le criticità. Stiamo raggiungendo, tra le maestranze, livelli di preoccupazione sempre più elevati”.

(Foto cislcampania.it)

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest