Tragedia della Solfatara, imprenditore condannato a 6 anni

Nella zona del vulcano di Pozzuoli, il 12 settembre 2017 morirono i coniugi Massimiliano Carrer e Tiziana Zaramella e il figlioletto Lorenzo. Paga solo il 73enne Giorgio Angarano, amministratore della società di gestione dell’area. Assolti i soci, confiscata l’area

La tragedia nell’area vulcanica di Pozzuoli, quasi 4 anni fa, sconvolse l’Italia. Il tribunale di Napoli ha condannato a sei anni di reclusione Giorgio Angarano, 73 anni, legale rappresentante della Vulcano Solfatara srl. Nella zona del vulcano Solfatara” persero la vita, il 12 settembre 2017 i coniugi veneziani di Meolo Massimiliano Carrer e Tiziana Zaramella e il loro figlioletto Lorenzo. Il giudice ha anche inflitto una multa da 172 mila euro alla società e la confisca dell’area.

Assolti gli altri 5 soci: Maria Angarano, 75 anni, Maria Di Salvo, 70 anni, l’omonima Maria Di Salvo, 41 anni, Annarita Letizia, 71 anni e Francesco Di Salvo, 45 anni. La sentenza è stata emessa dopo 4 ore di camera di consiglio dal Gup Egle Pilla che ha anche condannato Angarano all’interdizione perpetua dai pubblici uffici e al pagamento delle spese processuali. I soci dell’amministratore sono stati assolti per non avere commesso il fatto.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest