Torre del Greco, blitz dei carabinieri in un cantiere finanziato da fondi pubblici: rilevati lavoro nero e irregolarità contrattuali

Sanzionata ditta per complessivi 27 mila euro

 Lavoro nero e irregolarità contrattuali in un cantiere dove si eseguono lavori di ristrutturazione di una scuola commissionati da enti appaltanti pubblici. E’ quanto rilevato a Torre del Greco, dai carabinieri del nucleo tutela del lavoro di Napoli nel cantiere dell’ex Pretura, a ridosso della caserma dei carabinieri, dove – grazie ad un’intesa siglata tra Comune e Città  Metropolitana – sono in corso gli interventi di adeguamento in vista del trasferimento dell’istituto Nautico, la cui attuale sede deve tornare all’Asl Napoli 3 Sud. Un cantiere dove, visti i tanti enti pubblici impegnati, nessuno penserebbe mai di poter trovare irregolarità.


Invece, durante un controllo, i militari dell’Arma si sono imbattuti in irregolarità  che al termine dell’ispezione hanno prodotto un totale di nove sanzioni, per complessivi 27 mila euro.

La più importante è stata constatare come due lavoratori, su un totale di sei impiegati, risultassero ”in nero”. Anche per questo motivo, le attività  sono state momentaneamente sospese in attesa della regolarizzazione dei dipendenti, necessaria per procedere con la costruzione.

L’amministratore unico della ditta che ha ricevuto l’appalto è stato denunciato anche per non aver avviato i lavoratori alle prescritte visite mediche e alla necessaria formazione.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest