Servizio idrico, Abc restituirà parte della cauzione a 130.000 napoletani

L’annuncio della società: le nuove norme fissano il tetto a 44 euro, nella prossima bolletta i cittadini si vedranno restituire tra i 10 e i 50 euro

Per tale azione l’azienda ha impegnato una somma pari a 3,6 milioni di euro. L’Abc, Azienda dell’acqua pubblica di Napoli, restituirà a 130mila utenti la quota di cauzione che eccede i 44 euro previsti dalla nuove norme. Una nota della società annuncia che, nella prossima bolletta, i cittadini si vedranno restituire tra i 10 e i 50 euro.  ”Non pagano la cauzione – si spiega nella nota – i contribuenti che effettuano il pagamento della bolletta attraverso domiciliazione bancaria o postale, mentre, per decisione dell’Autorità nazionale, l’adeguamento stabilito dalla legge tocca anche quel 30 per cento dell’utenza che non ha mai versato la cauzione o ne ha versato solo una parte. Il massimo dovuto è fissato dalla legge in 44 euro e sarà rateizzato”.

Per decisione dell’Autorità nazionale l’adeguamento stabilito dalla legge è chiaramente dovuto anche da quel 30% dell’utenza che non ha mai versato la cauzione o ne ha versato solo una parte e se ne stabilirà la rateizzazione.

Abc precisa inoltre che tra le grandi città le meno care sono Napoli e Milano  con le bollette sotto i 200 euro medi annui mentre superano i 200 euro Roma, Torino e Venezia e raddoppia Firenze con più di 400 euro. Questo si rileva dallo studio sull’annualità  2015  svolto da Federconsumatori  che conferma che le tariffe di Napoli sono tra le più basse d’Italia.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest