Il 26enne accusato di lesioni dolose aggravate. Per le vittime prognosi di 10 giorni

Si reca a casa della ex moglie e, a seguito di un litigio con l’attuale convivente della donna, non esita a ferire quest’ultimo con un coltello, procurandogli lesioni guaribili in 10 giorni.

Questa la ricostruzione della polizia su quanto a Napoli un 26enne di Secondigliano ha compiuto nella tarda serata di ieri. Il giovane non ha esitato a scagliarsi anche contro l’ex suocero, intervenuto per sedare gli animi, procurandogli contusioni giudicate guaribili sempre in 10 giorni

Per l’episodio avvenuto in via Cupa Vicinale dell’Arco sono intervenuti gli agenti della sezione Volanti dell’Upg, in collaborazione con il personale del Commissariato di Polizia Secondigliano, su disposizione della sala Operativa, si sono recati in ospedale, dove erano state segnalate le due persone ferite.

Dopo aver acquisito elementi utili al rintraccio del 26enne, resosi irreperibile dopo il ferimento, stanotte sono riusciti a localizzarlo inei pressi del Corso Garibaldi, presso l’abitazione della nonna.

L’uomo, che si è disfatto del coltello, è stato denunciato perché ritenuto responsabile di lesioni dolose aggravate.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest