Santa Maria Capua Vetere, i contadini gettano ortaggi in strada davanti al supermercato Eurospin| “vogliamo un made in Italy in cui ci siano dentro prodotti davvero italiani e frutto del nostro duro lavoro”

“i fondi comunitari hanno finanziato la speculazione industriale”

Oggi grande iniziativa di lotta dei contadini a Santa Maria Capua Vetere, in provincia di Caserta. Promosso un presidio di lotta davanti al casello autostradale. Cassette di frutta e verdura gettate per protesta all’esterno del centro commerciale Eurospin.

Gianni Fabbris, presidente dell’associazione Altragricoltura, leader della protesta afferma che “questo paese ha venduto la sua anima alla speculazione, alla grande distribuzione, che determina prezzi e condizioni che risultano insopportabili per gli agricoltori”. “Vogliamo un made in Italy in cui ci siano dentro prodotti davvero italiani e frutto del nostro duro lavoro. Sono necessarie regole chiare e trasparenti per i controlli sulla filiera. Basta la favoletta che qui va tutto bene – spiega – Il Governo dia risposte ma si ricordi che non è solo questione di soldi, ma di dove questi soldi vanno, anche perché i fondi comunitari dei Pac hanno finanziato la speculazione industriale. Noi non ci fermeremo, i presidi si stanno coordinando, ma non facciamo ammuina né chiediamo le dimissioni del Governo; apriamo tavoli di confronto su crisi e sulla riforma che deve fondere la Sovranità Alimentare e gli interessi comuni di agricoltori e cittadini”

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest