Sanità, vertice Conte-M5S campano: svolta sul commissariamento?

Gli eletti pentastellati dal premier: continua il pressing per sostituire il commissario-governatore De Luca. Una soluzione è vicina, probabile decisione dopo il tavolo interministeriale per la verifica del piano di rientro, in programma il 25 luglio

Avevano chiesto di incontrare il premier con una lettera firmata dal gruppo regionale della Campania e dai 60 parlamentari campani del Movimento 5 Stelle, per parlare con urgenza della sanità commissariata. E oggi Giuseppe Conte, a Palazzo Chigi, ha accolto una delegazione di eletti pentastellati. “Nel corso dell’incontro – spiega una nota del M5S campano-, sono state illustrate al premier le gravissime criticità che caratterizzano la sanità della Campania e rinnovato appello a convocare una seduta del Consiglio dei Ministri in cui si proceda alla rimozione dell’attuale Commissario, nel rispetto della norma che ripristina l’incompatibilità tra i ruoli di commissario e governatore, e di prevedere per la nostra regione l’adozione di un pacchetto di misure emergenziali, sul modello del recente decreto Calabria”. I 5 stelle aggiungono: “È stato inoltre chiesto al premier una commissione d’accesso alla Asl Napoli 1, già invocata in un’interrogazione del deputato M5S Adelizzi, alla luce dei retroscena emersi dalla recente inchiesta della Dda”. Il premier ha preso atto delle richieste e si è impegnato a leggere i dossier consegnati, riservandosi una decisione alla luce del tavolo interministeriale del 25 luglio, in cui è prevista la verifica trimestrale dei risultati del piano di rientro. Della delegazione, guidata dalla consigliera regionale Valeria Ciarambino, facevano parte i senatori Maria Domenica Castellone, Franco Castiello e Cilma Moronese e i deputati Cosimo Adelizzi, Gilda Sportiello e Generoso Maraia.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest