Rifondazione Comunista sull’arresto del sindaco di Palma Campania: “la destra toglie il reddito ai poveri per favorire gli imprenditori amici”

Una nota, Maurizio Acerbo, segretario nazionale e Elena Coccia, segretaria federazione di Napoli

L’arresto del sindaco di Palma Campania ricorda che la corruzione e l’intreccio politica-affari continua a essere un’emergenza nazionale. E la destra attacca magistratura e produce norme a favore dei corrotti perché il suo ceto politico finisce sistematicamente sotto inchiesta per malaffare. Ricordiamo che il sindaco di FdI Donnaruma, ora agli arresti, si è distinto per demagogia contro gli immigrati. Meloni e Salvini sono riusciti negli ultimi anni con il razzismo a far dimenticare lo stillicidio di inchieste giudiziarie che hanno squalificato la classe dirigente della destra”. Così, in una nota, Maurizio Acerbo, segretario nazionale e Elena Coccia, segretaria federazione di Napoli del Partito della Rifondazione Comunista.

Siamo un partito garantista e non condanniamo in anticipo questa risorsa meloniana. Però il quadro che emerge dell’inchiesta non può che indignare e mostra il vero volto della destra – sottolinea – Una politica che toglie il reddito ai poveri e favorisce imprese amiche rappresenta un fattore di degrado delle nostre comunità. Bisognerebbe fare una indagine statistica ma il tasso di malaffare, cioè di esponenti sotto inchiesta e/o condannati di Fratelli d’Italia, batte qualsiasi comunità immigrata e compete con Forza Italia dei momenti più fulgidi. Invece di stravolgere la Costituzione Meloni faccia pulizia nel partito che ogni giorno la sua classe dirigente rampante ne combina una”

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest