Ricorso anti Severino di De Luca, giallo sul rinvio. I legali: “Nessuna comunicazione”

Nel pomeriggio le indiscrezioni di stampa sul presunto slittamento a primavera della decisione del tribunale civile di Napoli sull’istanza presentata dagli avvocati del governatore contro la sospensione

NAPOLI – De Luca glissa con Radio Kiss Kiss, col solito tono di sfida (“‘Non perdiamo tempo, questo problema riguarda gli sfaccendati che devono inventarsi una polemica al giorno”). Ma si apre un giallo sul presunto rinvio a primavera della decisione sul ricorso anti sospensione. L’edizione online del Mattino spara la notizia dello slittamento della pronuncia, dopo che il 17 dicembre la prima sezione civile del Tribunale di Napoli si era riservata la decisione sulla richiesta di annullamento del provvedimento di sospensione. “A me non è arrivata alcuna comunicazione di deposito in cancelleria” spiega l’avvocato Lorenzo Lentini, uno dei legali del governatore che ha presentato l’istanza. Ci va giù duro Gianluigi Pellegrino, avvocato che rappresenta alcuni elettori campani e il Movimento Difesa del cittadino nel procedimento. “Noi come avvocati  – afferma Pellegrino – non abbiamo ricevuto niente. Se fosse vera la notizia diffusa da alcuni organi di stampa via internet e se fosse così confermato che viene anticipata e resa pubblica a mezzo stampa una decisione presa in camera di consiglio, questo confermerebbe che in questa vicenda il tribunale di Napoli si sta comportando come il porto delle nebbie e che non e’ solo la giudice Anna Scognamiglio a parlare dalle camere di consiglio”.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest