Tra i destinatari della misura cautelare, 36 finiti in carcere. Raggiunti dal provvedimento titolari di un bar e di un ristorante

NAPOLI – Operazione da 45 misure cautelari ai Quartieri Spagnoli. Nel mirino il clan Mariano. Tra i destinatari della misura cautelare emessa dal gip di Napoli, ed eseguita dai carabinieri, c’è l’attuale reggente della cosca, Marco Mariano. Complessivamente, sono 36 i destinatari di un provvedimento restrittivo in carcere, e 9 quelli che hanno ottenuto il beneficio dei domiciliari. Due dei destinatari della misura in carcere sono già detenuti. L’indagine è cominciata nel 2009. Individuate anche piazze di spaccio. Ci sono anche i titolari di un bar e di un ristorante, noti ai Quartieri Spagnoli di Napoli.

 

L’OPERAZIONE –  I 45 destinatari dei provvedimenti di stamattina, tra cui ci sono sette donne, sono ritenuti responsabili a vario titolo di associazione di tipo mafioso, estorsione, ricettazione, contraffazione e commercio di prodotti con segni falsi, spaccio di droga, detenzione e porto abusivo di armi con l’aggravante di aver agevolato il clan, che attualmente fa capo a Marco Mariano, indagato, fratello di Ciro detto ‘o Picuozzo, storico boss da anni detenuto. Il blitz dei coordinato dalla Dda partenopea è il risultato delle indagini dei carabinieri del nucleo investigativo di Napoli, partite nel 2009. L’inchiesta si è avvalsa di intercettazioni e dichiarazioni di pentiti. Per gli inquirenti, il clan egemone ai Quartieri Spagnoli negli anni ’80 si è riorganizzato ed è tornato pienamente operativo dopo la scarcerazione di Marco Mariano. Il boss diventò subito obiettivo del clan – all’epoca avverso – dei Ricci-Sarno. Così si spiega  l’azione ‘dimostrativa’ nella zona della cumana Montesanto, in cui fu ucciso il musicista rumeno Petru Birlendau e rimase ferito un 14enne. Parallelamente alle indagini per quell’omicidio, per il quale sono stati condannati in Corte d’Assise Marco Ricci, Salvatore e Maurizio Forte, e alle indagini sfociate nell’arresto di numerosi esponenti dei Ricci-Sarno, fu avviata dai carabinieri quella sui Mariano.

Dal lavoro degli investigatori emerge la facilità con cui  Marco Mariano, durante il periodo in cui si trovava alla casa lavoro di Sulmona, è riuscito a ottenere permessi per tornare a Napoli grazie a certificati rilasciati da medici compiacenti che ne garantivano il ricovero presso strutture ospedaliere pubbliche e private dove poteva incontrare i suoi affiliati, cui impartiva disposizioni o esponenti di altri clan, per stringere alleanze.

 

TRONGONE – Tra gli arrestati di oggi ci sono anche esponenti di altri gruppi criminali ella città, tra cui i fratelli Raffaele e Arcangelo Trongone, a capo dell’omonimo gruppo criminale considererato satellite dei Mariano e particolarmente attivo nel centro storico nella zona dell’università, di palazzo Ammendola e dell’area portuale.

Secondo gli inquirenti, nell’ultimo periodo, e a seguito dell’omicidio di gennaro Fittipaldi, avvenuto a via Porta di Massa il 18 maggio scorso, i fratelli risultano essersi trasferiti nella zona della Sanità, dove avrebbero stretto alleanze con i gruppi criminali della zona. Tra gli arrestati c’è anche Antonio Esposito, detto ‘o figlio dò pallino, storico esponente del clan Mariano e personaggio di vertice della crimininalità ai Quartieri Spagnoli.

“L’odierna operazione – spiega una nota della Dda – incide sugli assetti criminali del centro cittadino, colpendo soggetti che operano in modo trasversale nell’area dei Quartieri Spagnoli, della Sanità e di Forcella. Si tratta di nuovi gruppi criminali insediati da tempo in quei territori, a seguito dello sfaldamento dei clan storicamente egemoni, i Misso e i Giuliano, i cui interessi economici continuano a ruotare attorno al traffico locale di droga: è proprio in tali traffici  – aggiunge il procuratore aggiunto Giuseppe Borrelli – che trovano ragione gli omicidi che negli ultimi tempi hanno caratterizzato la criminalità in quei territori”.

 

DESTINATARI CUSTODIA CAUTELARE CARCERE:

1. CAMMAROTA ANTONIO, NATO NAPOLI 13 APR 1971, IVI RESIDENTE;

2. CARDAROPOLI ANTONIO, NATO NAPOLI 27 GIU 1983, IVI RESIDENTE;

3. CINQUE PATRIZIA, NATA NAPOLI 2 FEB 1958, IVI RESIDENTE;

4. DE CRESCENZO EDOARDO, NATO NAPOLI 4 SET 1962, IVI RESIDENTE, DETENUTO;

5. DI MEGLIO ANTONIO, NATO NAPOLI 12 LUG 1973, DETENUTO;

6. DRESDA ANNAMARIA, NATA NAPOLI 28 SET 1956, IVI RESIDENTE;

7. ESPOSITO ANTONIO, NATO NAPOLI 12 MAG 1983, IVI RESIDENTE;

8. ESPOSITO FORTUNA, NATA NAPOLI 19 GIU 1962, IVI RESIDENTE;

9. FRANCO PATRIZIO, NATO POMIGLIANO D’ARCO (NA) 18 GIU 1972, RESIDENTE NAPOLI;

10. FRATTINI UMBERTO, NATO BRUSCIANO (NA) 4 MAR 1973, IVI RESIDENTE;

11. GAETANO LUISA, NATA NAPOLI 16 GEN 1967, IVI RESIDENTE;

12. IULIUCCI MARIO, NATO NAPOLI 4 APR 1950, IVI RESIDENTE;

13. MAGRELLI COSTANZO, NATO NAPOLI 24 GIU 1988, RESIDENTE BRUSCIANO;

14. MARIANO MARCO, NATO NAPOLI 13 APR 1955, IVI RESIDENTE;

15. MARIANO SALVATORE, NATO NAPOLI 17 APR 1971, IVI RESIDENTE;

16. MARIANO FABIO, NATO NAPOLI 6 MAG 1981, IVI RESIDENTE;

17. MARIANO MARCO, NATO NAPOLI 30 AGO 1976, IVI RESIDENTE;

18. MARIANO RAFFAELE, NATO NAPOLI 5 LUG 1975, IVI RESIDENTE;

19. MASIELLO ANTONIO, NATO POZZUOLI (NA) 22 DIC 1964, RESIDENTE NAPOLI;

20. MASIELLO GAETANO, NATO NAPOLI 13 OTT 1959, IVI RESIDENTE;

21. MASIELLO PASQUALE, NATO NAPOLI 26 GEN 1958, DETENUTO;

22. MASTRACCHIO PAOLO, NATO NAPOLI 20 APR 1970, IVI RESIDENTE;

23. OVERA MAURIZIO, NATO NAPOLI 4 LUG 1961, IVI RESIDENTE;

24. PERRELLA ARMANDO, NATO NAPOLI 6 FEB 1962, IVI RESIDENTE;

25. QUINZIO MARIA, NATA NAPOLI 18 MAR 1972, IVI RESIDENTE;

26. RICCI VINCENZO, NATO SAN MARTINO VALLE CAUDINA (SA) 10 GEN 1955, RESIDENTE CASERTA;

27. RODRIGUEZ MENDES EDENE NATA BRASILE 20 LUG 1973, RESIDENTE POZZUOLI;

28. ROMANO CIRO, NATO NAPOLI 5 GEN 1965, RESIDENTE POZZUOLI;

29. ROSSI FABIO, NATO NAPOLI 4 MAG 1964, IVI RESIDENTE;

30. SAVIO MARIO, NATO NAPOLI 18 FEB 1954, RESIDENTE ROMA, SOTTOPOSTO MISURA ARRESTI DOMICILIARI;

31. TECCHIO ERNESTO, NATO NAPOLI 27 GIU 1956, IVI RESIDENTE;

32. TORTORA MARIO, NATO NAPOLI 4 GEN 1976, IVI RESIDENTE;

33. TRONGONE ARCANGELO NATO NAPOLI 20 MAR 1968, IVI RESIDENTE;

34. TRONGONE RAFFAELE, NATO NAPOLI 13 GEN 1967, IVI RESIDENTE;

DESTINATARI ARRESTI DOMICILIARI:

35. DANIELE SALVATORE, NATO AVERSA (CE) 22 NOV 1987, IVI RESIDENTE VIA F. SAPORITO ;

36. FESTA ANTONIO, NATO NAPOLI 20 LUG 1959, IVI RESIDENTE VIA E. COSENZ;

37. FLORIO GENNARO, NATO NAPOLI 11 LUG 1950, RESIDENTE VIAREGGIO (LU), VIA UGO FOSCOLO;

38. MOCCARDI ROBERTO, NATO NAPOLI 6 GEN 1965, IVI RESIDENTE CENTRO DIREZIONALE TORRE FERLAINO, SOTTOPOSTO MISURA ARRESTI DOMICILIARI;

39. PASSARO GIUSEPPE, NATO ACERRA (NA) 21 OTT 1973, IVI RESIDENTE, VIA GALILEO GALILEI;

40. SAVIO GIOVANNA, NATA NAPOLI 24 LUG 1950, IVI RESIDENTE VIA SANTA MARIA DEL POZZO;

41. STILE TOBIA, NATO CASTELLAMARE DI STABIA (NA) 29 NOV 1968, RESIDENTE TORRE ANNUNZIATA (NA) VIA SETTEMBRINI;

42. VECCI MARIO, NATO NAPOLI 21 DIC 1966, IVI RESIDENTE VIA AMEDEO VITALE;

43. VOLPE GIUSEPPE, NATO NAPOLI 19 GIU 1945, RESIDENTE BRUGHERIO (MI) VIA MARSALA.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest