I banditi avevano sottratto denaro, un cellulare e un’auto: refurtiva recuperata

PONTECAGNANO – Notte da arancia meccanica a Pontecagnano, nel Salernitano, per un imprenditore. Poco dopo le 2,30,  una banda composta da 3 pregiudicati ha fatto irruzione nella villetta abitata dal 48enne, atteso al suo ritorno a casa. I tre rapinatori, armati di una mazza da baseball e di un machete, lo hanno minacciato, legato ad una sedia ed imbavagliato. L’imprenditore, secondo la ricostruzione, è stato anche picchiato con calci e pugni per non aver collaborato nell’indicare i quadri di maggior valore custoditi in casa. Dopo aver sottratto un cellulare, 400 euro in contanti e una Fiat 600, i banditi si sono dati alla fuga.

Il 48enne sotto choc è riuscito a dare l’allarme e a chiedere l’intervento dei carabinieri. Dopo poche ore di indagini, i militari della compagnia di Battipaglia sono riusciti a rintracciare i tre malviventi tra Pontecagnano e Battipaglia. La refurtiva è stata recuperata e restituita all’imprenditore. I tre arrestati G.T. 44enne; D.P. 32enne e D.A. 34enne, tutti di Battipaglia e volti noti dei Carabinieri, sono stati tratti in arresto con l’accusa di rapina pluriaggravata, sequestro di persona e lesioni personali e tradotti presso la Casa Circondariale di Salerno.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest