Nasce a Napoli la banca dati per la formazione e il lavoro in edilizia

Sottoscritto un protocollo d’intesa tra Anpal Servizi, Cfs, Cassa Edile, Feneal Uil, Filca Cisl, Acen per potenziare i servizi e favorire l’incrocio fra domanda e offerta di manodopera in un settore trainante per l’economia del territorio partenopeo

La ripresa e il rilancio del settore edile per dare un nuovo slancio all’economia del territorio dell’area metropolitana di Napoli potranno essere favoriti specializzando e formando manodopera, alimentando l’incrocio fra domanda e offerta di lavoro, sostenendo le imprese nel reperimento di personale da inserire nel proprio organico e affermando la Borsa del Lavoro Edile Nazionale. Sulla base di questi obiettivi, è stato siglato stamattina negli uffici dell’Acen il protocollo d’intesa tra Anpal Servizi spa, Centro Formazione e Sicurezza (CFS) Napoli, Cassa Edile di Napoli, Acen e sindacati edili: Feneal Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil di Napoli.

Con questo accordo, nel nostro ruolo di assistenza tecnica alla Regione Campania, puntiamo a rafforzare la rete degli attori del mercato del lavoro nelle professioni legate all’edilizia e a rendere, così, più fluido l’incontro tra domanda e offerta. Con il collegamento tra la Borsa Lavoro Edile a Cliclavoro Campania si amplia, di fatto, il ventaglio di opportunità lavorative per i lavoratori iscritti alla Cassa Edile” ha detto Michele Raccuglia, responsabile Campania Calabria Anpal Servizi Spa.

Il primario obiettivo è rafforzare il servizio della Borsa del Lavoro Edile Nazionale, operativo presso il Cfs Napoli” ha aggiunto Paola Marone, presidente dell’ente bilaterale. “Con un’azione sinergica si faciliterà l’incrocio di domanda e offerta di lavoro nel comparto edile della nostra città. Il Cfs, inoltre, garantisce ai lavoratori, momentaneamente disoccupati, formazione continua e riqualificazione professionale per assicurare un più veloce reimpiego”.

La Cassa Edile diffonderà attraverso diversi canali utilizzati dall’Ente le opportunità di lavoro, in modo mirato, ai lavoratori iscritti al nostro istituto” – ha sottolineato Angelo Lancellotti, presidente della Cassa Edile di Napoli Il protocollo prevede infatti “la stretta collaborazione di Cassa Edile e Cfs per favorire l’incontro fra domanda e offerta di lavoro sulla rete provinciale dei servizi per il lavoro” ha aggiunto Lancellotti.

Con l’intesa di oggi mettiamo in linea organismi diversi con l’obiettivo di favorire l’occupazione edile, da un lato, e la formazione e l’orientamento, dall’altro. Buone prassi per la formazione e il collocamento dei lavoratori di oggi e di domani” ha evidenziato Federica Brancaccio, presidente dell’Acen. L’accordo, infatti, prevede anche “attività formative e di orientamento rivolte a studenti e laboratori negli istituti tecnici”

Il protocollo garantisce tre aspetti che riteniamo  fondamentali – hanno sottolineato il segretario generale della Feneal Uil di Napoli, Andrea Lanzetta, la responsabile territoriale di Napoli della Filca Cisl Campania, Simona Corrado e il segretario generale della Fillea Cgil di Napoli, Giovanni Passaro: la sinergia tra tutte le parti sociali e Anpal Servizi; l’affermazione della Borsa del Lavoro Edile Nazionale quale strumento cardine per la “buona” occupazione e l’incontro con il mondo della scuola attraverso attività formative che presentino ai giovani il mondo delle costruzioni, con una rinnovata consapevolezza in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro”

Operativamente il protocollo consente anche la consultazione dei curricula presenti nella banca dati della Borsa Lavoro Edile Nazionale (BLEN).  Anpal Servizi raccoglierà e condividerà con il Centro Formazione e Sicurezza le offerte di lavoro pubblicate sul loro sito; il Centro Formazione e Sicurezza pubblicherà le offerte su Blen, indicando il link per l’incrocio fra domanda e offerta di lavoro e insieme alla Cassa Edile diffonderà attraverso diversi canali (sito web, mailing, WhatsApp, newsletter e social network) le opportunità di lavoro ai soggetti iscritti a BLEN, ai corsisti ed ex corsisti del CFS e ai lavoratori iscritti alla Cassa Edile di Napoli.

Inoltre, gli enti coinvolti condivideranno le informazioni relative a corsi di formazione e realizzeranno seminari, eventi e laboratori informativi per socializzare esigenze e opportunità del settore edile, realizzando percorsi integrati di accompagnamento per lavoratori e aziende.

Con questo accordo le aziende potranno usufruire di un particolare piano, che garantirà loro un valido supporto nella ricerca e nella selezione delle professionalità più idonee alle singole esigenze. E, alle figure individuate, verrà garantita una formazione specifica, che trasmetterà conoscenze spendibili immediatamente nella propria occupazione. Il settore edile, se stimolato come sta accadendo con la ricostruzione post sisma e il Superbonus, può trainare l’intera economia.

La Borsa Lavoro Edile Nazionale è il sistema di servizi, completamente gratuiti, che nasce per facilitare l’incontro tra domanda e offerta di lavoro nel settore delle costruzioni. La Borsa lavoro è finalizzata a valorizzare la professionalità del lavoratore, quindi sia a trovargli una buona occupazione, sia ad accompagnarlo durante tutto il suo percorso di vita professionale attraverso una formazione erogata in modo adeguato e in tempo reale.

Come nasce? L’istituzione della Borsa Lavoro è prevista dai contratti collettivi nazionali del settore edile e nasce per esplicita volontà delle parti sociali del comparto, che ne hanno affidato la gestione e l’implementazione al Formedil (Ente Nazionale per la Formazione e l’Addestramento professionale in Edilizia) con la collaborazione della Cnce (Commissione Nazionale Paritetica per le Casse Edili).

CiCre

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest