Napoli, operazione anti droga al Rione Traiano: smantellati gli scantinati bunker

Arresti e sequestri di droga sono stati eseguiti durante il blitz

Sono quattro le persone scoperte e bloccate mentre cercavano di riorganizzare lo spaccio di droga all’interno di scantinati-bunker di via Catone. Blitz dei carabinieri al rione Traiano a Napoli. Per la sesta volta i militari dell’Arma trovano gli spazi sotterranei dei fabbricati di edilizia popolare occupati da chi confeziona e spaccia droga per conto dei clan del territorio. Gli scantinati erano protetti da due sistemi di videosorveglianza, smantellati. A gennaio, i carabinieri sgomberarono quei locali nel corso di una operazione che portò all’esecuzione un centinaio di misure cautelari. Arresti e sequestri di droga sono stati eseguiti durante il blitz. Trovate anche quattro donne che con i loro figli avevano occupato illegittimamente appartamenti. Una 25enne, poi, aveva manomesso il contatore dell’Enel e realizzato un allacciamento diretto alla rete pubblica. I controlli dei carabinieri della compagnia di Bagnoli, insieme a colleghi del Reggimento Campania, hanno previsto anche perquisizioni a carico di affiliati ai locali gruppi camorristici e pregiudicati per reati gravi. In diversi nascondigli nelle adiacenze dei complessi di edilizia popolare sono stati rinvenuti e sequestrati circa 200 grammi di hashish e 165 grammi di cocaina, droga in attesa dello smercio. Arrestato Alfonso Bruno, un 37enne già noto, sorpreso a cedere cocaina a un cliente; a casa sua trovati anche 10 grammi di cocaina in dosi, bilancini di precisione e materiale vario per il confezionamento. In manette anche una donna, Fabiana Palmieri, una 33enne che i militari dell’Arma hanno sorpreso in possesso di hashish e cocaina. Denunciati per detenzione di cocaina a fini di spaccio tre pregiudicati trovati complessivamente in possesso, durante controlli, operati in circostanze diverse, di 7 dosi di cocaina.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest