Napoli, mille persone assunte al Comune: il 9 agosto il bando

Presentazione delle candidature entro l’8 Settembre

Il sindaco di Napoli Gaetano Manfredi ha annunciato oggi in commissione consiliare Polizia Locale e Legalità, presieduta da Pasquale Esposito, la pubblicazione, il prossimo 9 agosto, del bando di assunzione 1000 persone negli organici comunali.

Il primo cittadino partenopeo ha inoltre illustrato la scelta di predisporre un bando unico che copra il fabbisogno di personale del Comune e della Città  Metropolitana, con graduatorie aperte nel prossimo triennio alle quali sarà  possibile attingere.

Tre i canali di assunzione previsti: 577 posti per profili ‘D’, dei quali 305 a tempo indeterminato e 199 a tempo determinato per il Comune e 73 per la Città Metropolitana; 762 posti per profili ‘C’, dei quali 596 a tempo indeterminato e 43 a tempo determinato per il Comune e 123 per la Città  Metropolitana; 55 i posti per dirigenti.


Diversi i profili previsti: da quello amministrativo, finanziario, informatico a quello scolastico, sociale – saranno 90 gli assistenti sociali, 70 a tempo determinato e 20 a tempo indeterminato – oltre a più di 200 assunzioni nella Polizia Locale. Per i profili C e D il concorso, gestito dal Formez, sarà  solo per esami e prevederà  una prova preselettiva, una prova scritta e una orale; il concorso per dirigenti sarà invece per titoli ed esami, prevedendo una doppia prova scritta e una prova orale.

Sarà  possibile candidarsi fino all’8 settembre sulla nuova piattaforma proprietaria del Comune di Napoli, si punta ad assumere i vincitori già  dal 1 gennaio 2023. Oltre a queste prospettive assunzionali, ha spiegato il direttore generale Pasquale Granata, si procederà  anche con le 250 progressioni verticali per il personale dell’Ente.

L’obiettivo dell’amministrazione è quello di chiudere le operazioni entro la fine del 2022. “Ma anche chi in un primo momento, pur risultando idoneo, non risulterà nella lista dei vincitori – sottolinea Manfredi – avrà concrete possibilità di essere chiamato perché puntiamo di far scorrere la graduatoria anno dopo anno, quando aggiorneremo di volta in volta il piano del nostro fabbisogno di personale. Ma non solo: chi si piazzerà in graduatoria potrà essere anche impiegato presso gli altri Comuni dell’Area Metropolitana che già ci stanno chiedendo se potranno attingere da essa. Ho risposto ai vari sindaci che penseremo prima a rafforzare la nostra macchina comunale, naturalmente. Ma che poi tutta la Città Metropolitana potrà beneficiare del grande lavoro che stiamo mettendo in campo”.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest