Napoli, matrimonio Tony Colombo in piazza Plebiscito:   Pm chiede l’archiviazione

Tra gli indagati risultava anche Claudio de Magistris

 La richiesta di archiviazione dei pm Vincenzo Marra e Maurizio De Marco, per i nove indagati nell’inchiesta relativa al flash mob-concerto, organizzato a piazza del Plebiscito dal cantante neomelodico Tony Colombo, in occasione delle sue nozze con Tina Rispoli, è stata accolta dal Gip presso il Tribunale di Napoli il 22 settembre. Si chiude così una storia cominciata il 25 marzo del 2019, quando Colombo organizzò un flash mob che si tramutò poi in un mini-concerto nella principale piazza della città . “Gli elementi acquisiti – queste le motivazioni di richiesta di archiviazione – non sono idonei a sostenere l’accusa in ordine alla sussistenza dei fatti. Ovvero che i fatti costituiscano reato”.

Claudio de Magistris

Tra gli indagati, oltre al cantante Colombo, risultavano anche Claudio de Magistris (difeso dall’avvocato Enrico Von Arx), fratello minore dell’ex sindaco di Napoli, due ufficiali della polizia Municipale (il capitano dell’Unità  operativa di Chiaia Sabina Pagnano e Giovanni D’Ambrosio), i tre vigili urbani di pattuglia quella sera; la dottoressa Sarah Terracciano (difesa dall’avvocato Maria Ancora), all’epoca dei fatti staffista della segreteria del sindaco, e una dipendente comunale.

Tony colombo e luigi de magistris

L’ampia attività  di verifica investigativa” è stata mossa “dalla considerazione che l’evento organizzato da Colombo in Piazza Plebiscito a Napoli, nei termini in cui effettivamente poi si è svolto, non fosse autorizzato; questa circostanza risulta documentalmente provata”. L’accusa ha dunque certificato che il flash mob organizzato dal neomelodico fosse di fatto abusivo, ma aggiunge: “Non vi è invece sufficiente piattaforma probatoria che ciò sia avvenuto nella consapevolezza piena sia delle Autorità  preposte ai controlli amministrativi preventivi e durante l’evento, a cagione dell’intervento dissimulatorio della reale natura dell’evento (quale vero e proprio spettacolo musicale) di Colombo.

Lo sfarzoso matrimonio Colombo- Rispoli

In pratica Claudio de Magistris e Sarah Terracciano non potevano sapere che il neomelodico organizzasse un vero e proprio mini concerto e non soltanto il flash mob, come autorizzato dall’amministrazione comunale.

Non avevamo alcun dubbio sul provvedimento di archiviazione richiesto dalla Procura di Napoli nei confronti di Claudio de Magistris” – afferma Enrico Von Arx, difensore di Claudio de Magistris. “Sin dall’inizio vi è stata la massima collaborazione da parte di de Magistris per dimostrare la sua completa estraneità da ogni accusa – spiega il legale – Soprattutto da parte di chi si è sempre speso con rigore per il bene della città  anche attraverso eventi culturali di indubbio valore. Resta l’amarezza e il danno di essere stato accostato, con tanta enfasi mediatica, a vicende e persone così¬ lontane dal mio assistito” conclude de Magistris.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest