Napoli Bene Comune, su Fb spunta il clone di marca Pd: battaglia legale con de Magistris?

Sul social compare un profilo con lo stesso nome dell’associazione vicina al sindaco, che alle comunali presenterà una lista a suo sostegno. Ad aprirlo un’associazione che dichiara di essere nata nel ’92 e usa il simbolo dem. “Non possiamo permettere che il primo cittadino utilizzi a proprio uso e consumo la nostra storia”. Replica arancione: “Nome registrato e depositato, abbiamo provveduto a segnalare l’account”

La campagna elettorale, si sa, nel 2016 si svolge soprattutto sui social network: influenzare gli elettori verso un voto o anche un altro ma anche confondere le idee, mescolare, ingarbugliare le carte. E sullo sfondo si profila anche un possibile braccio di ferro alle amministrative napoletane, con scambio di accuse tra “lista civetta” e “indebito utilizzo”. La contesa è sul nome Napoli Bene Comune. Nome e logo con maschera di Pulcinella sono stati depositati lo scorso gennaio da un’associazione che fa riferimento al consigliere della II municipalità Pino de Stasio e che presenterà alle comunali una lista a sostegno di Luigi de Magistris. L’associazione ha anche una pagina Facebook. Ma ecco la novità: oggi sul social di Zuckerberg è spuntato un omonimo profilo, che però ha come foto il simbolo del Pd. “Rimetteremo in campo  – è il primo post del ‘clone’ piddino – il progetto di una Napoli Bene Comune in vista delle prossime elezioni amministrative. Non possiamo permettere che il sindaco della nostra città utilizzi a proprio uso e consumo la nostra storia, la storia della sinistra italiana”. Si tratterebbe di un’altra associazione, vicina prima al Pds-Ds e poi al Pd. L’account reca come data di fondazione il 13 giugno 1992.

 

Dal campo del sindaco arancione parte una nota assai avvelenata. “Segnaliamo che la Lista Napoli Bene Comune – si legge – a sostegno di de Magistris Sindaco per Napoli prende le distanze da questo account facebook. Ricordiamo che sia la lista Napoli Bene Comune, che l’associazione medesima, sono marchio registrato e depositato, così come il simbolo con la maschera di Pulcinella. Abbiamo provveduto a segnalare l’account e chiedergli di cambiare nome, in quanto marchio e dominio internet registrato. Inoltre riteniamo lesivo l’accostamento Napoli Bene Comune al simbolo del Partito Democratico, da cui sia l’Associazione che la Lista prendono fermamente le distanze”. E’ solo una manovra di disturbo o all’orizzonte c’è forse una battaglia a carte bollate? Di certo, è iniziata la guerra virtuale, con la gara a chi conquista la prima posizione nei motori di ricerca di Fb.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest