Napoli, Bagnoli: arroganza e cinismo agli sportelli dell’ufficio postale. Ancora una giornata di tensione in via Ascanio

La protesta di alcuni utenti contro i metodi inaccettabili di alcuni impiegati impegnati agli sportelli

Ufficio postale di via Ascanio nel quartiere napoletano di Bagnoli sempre peggio. Calpestati sistematicamente i diritti degli utenti nell’indifferenza dei vertici regionali e provinciali di Poste Italiane.

Questa mattina altri momenti di tensione. Protagonisti alcuni cittadini del quartiere che dovevano ritirare posta in giacenza e avevano puntualmente ritirato il tagliando di prenotazione 30 minuti prima della chiusura degli uffici, fissata per il Sabato alle 12,35.

Signori l’ufficio chiude” – ha comunicato un’impiegata dieci minuti prima della chiusura, assumendo un comportamento spregevole e arrogante nei confronti degli utenti che erano regolarmente in fila muniti dei tagliandi di prenotazione emessi dall’apparecchiatura elettronica.

gli orari dell’ufficio postale

La foto si commenta da sola. Alle prime e sacrosante critiche degli utenti è stato recitato puntualmente il copione e la solita sceneggiata: gli impiegati hanno abbandonato le postazioni, gli sportelli e raggiunto gli uffici interni snobbando gli utenti che protestavano e rivendicavano i loro legittimi diritti. Utenti che saranno costretti a ritornare in via Ascanio per rimettersi in fila, aspettare ore per ritirare un pacco o una raccomandata in giacenza.

gli impiegati si allontano dagli sportelli e dalle postazioni

Comportamenti e metodi discutibili, cinici e vergognosi assunti da operatori che dovrebbero svolgere un pubblico servizio. Comportamento che offendono la dignità delle persone.

L’ufficio di Bagnoli è da tempo finito nell’occhio del ciclone, tantissime le critiche provenienti dai cittadini del quartiere. Basta fare una ricerca sui social o su google. Tanta indignazione, tante critiche.

Nell’ufficio postale di via Ascanio a Bagnoli le proteste ed i momenti di tensione sono quasi quotidiani, i carabinieri e la polizia sono di casa costretti ad intervenire perchè sollecitati dagli utenti infuriati – racconta Anna, cittadina bagnolese – la tensione viene alimentata dai metodi scortesi e arroganti di alcuni dipendenti allo sportello. Sarebbero opportuni, necessari interventi adeguati da parte dei vertici provinciali e regionali di Poste Italiane, attivare delle ispezioni e procedere con provvedimenti disciplinari nei confronti degli operatori che non rispettano i diritti degli utenti, violano il sistema di regole e il codice etico aziendale”.

Tanti gli episodi negativi. E puntualmente, viene recitato il solito copione. Alle prime contestazioni degli utenti, gli operatori addetti allo sportello lasciano le postazioni per rintanarsi negli uffici interni. Evidentemente esistono “stanze confessioni” o “stanze sfogatoio” come nel “Grande Fratello”. Comportamenti che rasentano il ridicolo.

tagliando di prenotazione emesso alle 12:17

Anche io ho avuto la sfortuna di andare all’ufficio postale di Via Ascanio – racconta Giuseppe – Un’impiegata alle richieste di spiegazioni mi ha trattato con arroganza e mentre parlavo evidenziando le mie ragioni si è allontanata dallo sportello invitandomi ad uscire. Gli ho fatto notare che era un ufficio pubblico e gli ho chiesto di avere un modulo di reclamo, nostro diritto, a quel punto si è presentata la direttrice che ha cercato in tutti modi di persuadermi a compilare il modulo. Io ho insistito ed ho avuto il modulo e l’ho inviato ai vertici delle poste. Ora invito tutti quelli che hanno problemi con l’ufficio postale di Bagnoli a fare lo stesso a chiedere il modulo di reclamo, compilarlo e inviarlo ai vertici delle Poste. Sicuramente chi di dovere quando vedrà tanti reclami sarà costretto ad intervenire”.

I reclami possono essere utili. Per segnalare un disservizio all’interno dell’ufficio postale come, ad esempio, l’orario di apertura non rispettato, l’eccessiva attesa, il comportamento scorretto del personale, l’interruzione del collegamento telematico occorre compilare il modulo avendo cura di indicare l’ufficio postale in cui si è verificato il disservizio, oppure puoi inviare una lettera di reclamo compilata in tutte le sue parti, utilizzando una delle seguenti modalità:

  • Posta Elettronica Certificata a [email protected] (è obbligatorio allegare la lettera di reclamo)
  • Fax al numero 0698686415 (è obbligatorio allegare la lettera di reclamo)
  • Consegna presso un ufficio postale
  • Lettera Raccomandata a Casella Postale 160 00144 Roma (Rm)

Red

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest