Napoli, Bagnoli: accordo per cancellare i contenziosi. Superati gli ostacoli per la bonifica

Azzerati i debiti dell’amministrazione comunale

Accordo transattivo in vista per cancellare tutti i contenziosi civili, amministrativi e ambientali e superare tutti gli ostacoli che si frappongono al completamento della bonifica Parallelamente al completamento della bonifica dell’ex area industriale di Bagnoli.

Nell’udienza svoltasi oggi pomeriggio presso la Settima sezione del Tribunale Fallimentare di Napoli – per il Commissariato Straordinario di Governo era presente il subcommissario Dino Falconio, che ha lavorato in queste settimane alla preparazione della relativa documentazione – sono state poste le basi per un pre-accordo transattivo globale tra i soggetti pubblici coinvolti nel sito di interesse nazionale che porterà poi alla sottoscrizione di un accordo formale entro il 13 luglio.

Tra i contenziosi cancellati, quello esistente tra Comune di Napoli e Fintecna: l’Amministrazione era stata condannata al pagamento di 80 milioni di euro, in seguito a tale pre-accordo al Comune vengono azzerati i debiti e non dovrà sborsare un euro.

“Fondamentale l’opera svolta dal presidente Gianpiero Scoppa che ha sollecitato la convergenza verso un accordo tra le parti: con tale decisione condivisa si pone fine a questioni decennali e si compie un nuovo passo decisivo per la ripartenza del sito di Bagnoli. Mettiamo in sicurezza le casse del Comune che non saranno più gravate da questo peso e si creano le condizioni per attrarre investimenti privati sull’area per dare finalmente un futuro a Bagnoli”, il commento del sindaco di Napoli e commissario straordinario di Governo per la bonifica ambientale e rigenerazione urbana di Bagnoli-Coroglio, Gaetano Manfredi.

Novità in vista anche per Città della Scienza. La Fondazione Idis ha presentato una nuova proposta: costruire non sulla costa, ma nell’area oggi adibita a parcheggio che peraltro non richiederebbe alcuna bonifica e, quindi, permetterebbe una costruzione in tempi più stretti. Ipotesi su cui ministro, sindaco di Napoli, Regione Campania, commissariato e Invitalia hanno dato disponibilità a verificare la compatibilità con i piani per Bagnoli (Praru). La decisione finale dovrà arrivare in poco tempo. Per fine anno dovranno essere affidati i lavori, pena la revoca del finanziamento a valere sul Fondo di sviluppo e coesione.

Infine, entro fine luglio sarà completata la bonifica dall’amianto dell’area ex Eternit. Si tratta dell’area più estesa e più importante tra quelle completamente bonificate. Area in cui è prevista la costruzione di residenze pubbliche e private. Sempre a luglio, si apre un pezzo di Bagnoli alla città: il pontile nord, la pineta e alcune aree destinate a parcheggio e affidate ad Anm.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest